post

Agosto sotto le stelle… resoconto e fotografie

 

DSC_6393

16 e 21 agosto 2017
Escursione astronomica notturna guidata

Altra bella nottata passata sotto un cielo limpido a contemplare stelle, costellazioni ed il territorio che ci circonda nel bellissimo e incantato Parco Naturale Regionale Sirente Velino in questo caldo mese di agosto, insieme a tanti amici.
Siamo ancora nel pieno del crepuscolo, le prime stelle timidamente emergono nel chiarore del cielo terso che ci accompagnerà per tutta la notte, mezzora di cammino ed è ora della prima sosta, partiamo con il mostrare la costellazione dell’Orsa Minore con le sue stelle principali, Polare e Kochab all’altro estremo si vedono solo le stelle Alkaid , Alcor/Mizar e Alioth . Alla seconda sosta ben visibili e riconoscibili le costellazioni del Drago, Cefeo, Cassiopea, Andromeda (con la galassia omonima ben riconoscibile ad occhio nudo), Perseo, per le costellazioni a nord.
Arriviamo così dopo circa un’ora e mezza alla terza sosta e allo zenit immerse nella via lattea le costellazioni del Cigno, dell’Aquila, della Volpetta, della Freccia, Delfino e della Lira.
Espongo le ultime costellazioni visibili…la costellazione di Ercole ormai bassa, mentre ad est sorge lentamente la costellazione dell’Auriga, e ben alte nel cielo il sempre affascinate ammasso delle Pleiadi, ben visibile ad occhio nudo e ancor piu bello se visto al binocolo, anche la costellazione del Triangolo fa capolino dietro la sagoma del Monte Magnola.
Torniamo al punto di partenza, montiamo il telescopio da 25″ f5 e iniziamo con l’osservare la stella Altair, poi la Polare, seguono due ammassi M2 ed M13, due planetari, veri fari cosmici M57 ed M27.
Finiamo con la galassia di Andromeda e a chiusura della serata, sono circa le 2:45, la stella doppia Albireo…

By Franco Astrofujinon

Grazie a tutti!

Foto di Franco Salvati e Nico Cognetti

 

1 2 4 6 8 9 11 12 DSC_6332 DSC_6334 DSC_6336 DSC_6337 DSC_6345 DSC_6346 DSC_6371 DSC_6372 DSC_6375 (1) DSC_6378 DSC_6380 DSC_6381 DSC_6382 DSC_6383 DSC_6386 DSC_6393 DSC_6401 DSC_6403

Resoconto fotografico dell’escursione sul Monte Amaro – Majella

IMG_5638

Sedici luglio duemiladiciassette

Escursione guidata sul Monte Amaro
Parco Nazionale della Majella.

Alcune volte vai in montagna, ammiri i panorami infiniti, le altezze e tutto sembra perfetto, il cielo è sereno. Ma non può essere sempre così. Altre volte, infatti, capita che la montagna si mostri con volontà estreme che sfidano il proprio e l’altrui Essere ed è in quei momenti che il tuo corpo e la tua mente danno prova di resistenza e, in fondo, anche di “esistenza”.
Il Monte Amaro, ieri, ci ha regalato il proprio freddo con generosità: le temperature sfioravano i 4 gradi e le raffiche di vento raggiungevano i circa 50 km/h.

Il gruppo è rimasto forte, passo dopo passo, senza desistere e tutti hanno proseguito nel cammino, fino alla vetta.

IMG_5645

In ultimo, alla fine, è apparso il sole a sorriderci.

Questa è la montagna, bisogna sentirla, accoglierla in tutte le sue carezze!!

Ringrazio vivamente tutto il gruppo
Un ringraziamento speciale a Vincenza Bizzoni per la professionalità e serietà nella conduzione e gestione del gruppo.

Concludo con questo mio pensiero, scritto tempo fa:

“Il vento delle Vette”

“Eccoti.
Sul sentiero, passo dopo passo, respiro dopo respiro e ti accorgi che gli orizzonti, le terre lontane, i panorami e i paesaggi, sono parte intima del tuo presente. Luci, ombre, riflessi e contrasti si fondono insieme e creano danzanti creature, una moltitudine che disegna con il proprio corpo la magia astrale.
Eccoti.
Un brivido avvolge il tuo corpo, vaste purità planano per accarezzare ogni parte di te. É il vento delle vette, antico guerriero del tempo, che regna nelle dimore costruite dall’infinito dell’esistenza.
Eccoti.
Preso per mano, fortemente. Cammini negli spazi del pensiero e delle bellezze. I tuoi occhi ammirano cieli dipinti dalla Natura, che suona selvatiche melodie.
Eccoti.
Sulle sommità e nelle altezze del destino.
Ed ora respiri nel Vento delle Vette.”

IMG_5631

IMG_5630

Monte Amaro - Majella IMG_5585 IMG_5587 IMG_5588 IMG_5589 IMG_5591 IMG_5592 IMG_5593 IMG_5597 IMG_5598 IMG_5602 IMG_5603 IMG_5604 IMG_5607 IMG_5609 IMG_5612 IMG_5613 IMG_5616 IMG_5617 IMG_5620 IMG_5625 IMG_5628 IMG_5629 IMG_5630 IMG_5631 IMG_5635 IMG_5636 IMG_5638 IMG_5639 IMG_5640 IMG_5641 IMG_5642 IMG_5645 IMG_5646 IMG_5648 IMG_5651 IMG_5653 IMG_5656 IMG_5661 IMG_5662

post

Resoconto fotografico dell’escursione guidata sul Corno Grande

Gran Sasso d'Italia

Nove luglio duemiliadiciassette

Escursione guidata sul Re degli Appennini, il Corno Grande, nel Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga.

Firenze, Salerno, Isernia, Lanciano, Pescara, Roma, Val Vibrata, Avezzano, Teramo… questo sono alcune delle località di provenienza dei tanti partecipanti che ieri sono saliti con me e Alberto Cuccagna sul maestoso Corno Grande.
Il caldo non ci ha frenati e gli splendidi panorami fino a vista mare si sono offerti a noi, passo dopo passo.

Il Gran Sasso è un Re che si mostra fiero e possente con le sue rocce nude e forti.
L’arrivo in vetta non è stata la conclusione di un percorso scontato: l’intero tragitto, al contrario, si è rivelato scoperta continua ed emozionante, dall’inizio alla fine.

Grazie a tutti!!

Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia  Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia

post

Escursione guidata nella Riserva Naturale Regionale Grotte di Luppa

Riserva Grotte di Luppa

Diciotto giugno duemiladiciassette

Escursione guidata nella Riserva Naturale Regionale Grotte di Luppa, nel comune di Sante Marie, in collaborazione con la Riserva Grotte DiLuppa e Ambiente e/è vita onlus. Cosa c’è di più bello che alzarsi la mattina per fare una bella camminata tra boschi, fonti, massi erratici e aria pulita? Se tutto si conclude, poi, con un bel concerto di musica classica del maestro Paolo Totti, la giornata si fa ancora più interessante ed il lunedì potresti godere di più energie per “camminare” nel quotidiano. Il fitto bosco di Luppa, testimone di antiche glaciazioni, offre quel selvaggio silenzio utile a rigenerarsi. I massi erratici sono custodi del bosco stesso e sembrano quasi osservarti. Le mie fantasie li immaginano animarsi di notte pronti a scambiare due chiacchiere tra di loro, incontrandosi. Ascoltare musica classica in una grotta non è esperienza di tutti i giorni, è qualcosa di sublime. Le note non ti scivolano via con indifferenza, ma ti rimangono impresse nella mente come ricordi da non dimenticare.

Complimenti a tutti e grazie a chi ha vissuto con me questa esperienza.

Riserva Grotte di Luppa

Riserva Grotte di Luppa

Riserva Grotte di Luppa Riserva Grotte di Luppa Riserva Grotte di Luppa Riserva Grotte di Luppa Riserva Grotte di Luppa Riserva Grotte di Luppa Riserva Grotte di Luppa Riserva Grotte di Luppa Riserva Grotte di Luppa Riserva Grotte di Luppa Riserva Grotte di Luppa Riserva Grotte di Luppa

post

Fotografie dell’escursione guidata sulla Serra di Celano

Serra di Celano

Undici giugno duemiladiciassette

Escursione guidata sulla Serra di Celano. Parco Naturale Regionale Sirente Velino. Le bellezze che regala Madre Natura sono sempre vive ed emozionanti. La Serra di Celano offre panorami stupendi… Majella, Gran Sasso, Monti Marsicani, Velino, Sirente, Simbruini, Monti Carseolani ed un vista mozzafiato lì dove una volta c’era il Lago del Fucino, ovvero il Dio Fucino, come erano soliti chiamarlo gli antichi popoli che abitavano sulle sue sponde. Basta chiudere gli occhi per un attimo e riaprirli immaginando una grande distesa di acqua circondata da questi bellissimi monti. Ora il lago non c’è più, ma la sua essenza è ancora lì ed è decisamente viva, così come la dea Angitia ed il suo spirito antico.

Grazie a tutti i partecipanti!!! 

Serra di Celano

 

Serra di CelanoSerra di Celano Serra di Celano Serra di Celano Serra di Celano Serra di Celano Serra di Celano Serra di Celano Serra di Celano Serra di Celano Serra di Celano Serra di Celano Serra di Celano Serra di Celano Serra di Celano Serra di Celano Serra di Celano Serra di Celano Serra di Celano Serra di Celano

post

Resoconto fotografico dell’escursione guidata all’eremo di San Giovanni all’Orfento

Eremo di San Giovanni all'Orfento

Venticinque giugno duemiladiciassette Escursione guidata all’Eremo di San Giovanni all’Orfento nel Parco Nazionale della Majella. La Majella é colma di spiritualità fin dentro la sua roccia, puoi camminare nei suoi boschi, puoi scalare vette ed “ascoltare” l’animo degli Eremi che hanno dato rifugio a chi decise di ricercare se stesso a contatto con la beata solitudine che solo Madre Natura sa offrirti. L’escursione é stata condotta egregiamente da Vincenza Bizzoni, Accompagnatrice di Media Montagna del Collegio Guide Alpine Abruzzo. Oltre a portarci fino all’Eremo, ci ha narrato la storia del posto e quanto accaduto negli anni passati, dandoci anche spiegazioni delle alte vette, della flora e della fauna del luogo. Il gruppo si è da subito mostrato molto affiatato e attento… e questo non può che dare molte soddisfazioni. È stata una giornata splendida che ci lascerà bellissimi ricordi.

Eremo di San Giovanni all'Orfento

Eremo di San Giovanni all'Orfento Eremo di San Giovanni all'Orfento Eremo di San Giovanni all'Orfento Eremo di San Giovanni all'Orfento Eremo di San Giovanni all'Orfento Eremo di San Giovanni all'Orfento Eremo di San Giovanni all'Orfento Eremo di San Giovanni all'Orfento Eremo di San Giovanni all'Orfento Eremo di San Giovanni all'Orfento Eremo di San Giovanni all'Orfento Eremo di San Giovanni all'Orfento Eremo di San Giovanni all'Orfento Eremo di San Giovanni all'Orfento Eremo di San Giovanni all'Orfento Eremo di San Giovanni all'Orfento Eremo di San Giovanni all'Orfento Eremo di San Giovanni all'Orfento Eremo di San Giovanni all'Orfento Eremo di San Giovanni all'Orfento Eremo di San Giovanni all'OrfentoEremo di San Giovanni all'Orfento Eremo di San Giovanni all'Orfento Eremo di San Giovanni all'Orfento Eremo di San Giovanni all'Orfento Eremo di San Giovanni all'Orfento Eremo di San Giovanni all'Orfento Eremo di San Giovanni all'Orfento Eremo di San Giovanni all'Orfento Eremo di San Giovanni all'Orfento Eremo di San Giovanni all'Orfento

post

Una magica notte alla scoperta delle stelle

Ventitré giugno duemiladiciassette
Parco Naturale Regionale Sirente Velino

Escursione astronomica notturna guidata
Dal Rifugio Casale da Monte a Colle Pelato

Alle pendici del Monte Velino e del Monte Cafornia

L’estate è quel tempo felice che permette di godere con serenità delle bellezze della natura con tempi più lenti e rilassati… perché allora non lasciarsi conquistare dagli immensi spazi dei cieli stellati?

Escursione astronomica notturna guidata

In molti decidono di trascorrere una notte diversa in compagnia del fresco piacevole e degli astri di cui poco si sa e molto si potrebbe scoprire… in un’escursione in cui, oltre ad ammirare le tracce degli animali stanziali, le piante, gli alberi, è possibile scoprire la volta celeste con tutte le sue meraviglie.

Escursione astronomica notturna guidata

Siamo infatti nel Parco Naturale Regionale Sirente Velino, nella magia della notte ed il cielo ci mostra le tante stelle che insieme formano le costellazioni visibili dal nostro emisfero, con le loro storie, i loro miti che risalgono a migliaia di anni fa. E cosi, quasi a cavallo del solstizio d’estate, abbiamo imparato a riconoscere insieme le costellazioni circumpolari, come il Piccolo Carro, il Grande Carro, il Cefeo, il Dragone, Cassiopea e la Giraffa. Spaziando, poi, tra le costellazioni zodiacali, abbiamo trovato uno splendido leone al tramonto, chiaramente visibile, e di seguito la Vergine, la Bilancia, lo Scorpione e il Sagittario. Infine una carrellata di altre costellazioni solitamente poco note come quella del Corvo, della Coppa, dell’Aquila, del Delfino, della Freccia, del Cavallino, della Lira, della Corona Boreale, di Ercole, del Cigno, della Volpetta, della Chioma di Berenice e di Ofiuco.

Rifugio Casale da Monte

Tante le stelle che si sono offerte ai nostri occhi… sicuramente impressionante la Stella Polare, poi Vega, Altair, Deneb a formare il triangolo estivo che ci accompagnerà per tutta l’estate fino all’autunno inoltrato.
Il telescopio ci ha permesso di scoprire gli oggetti più lontani: il pianeta saturno, le stella Vega, l’ammasso M13 la planetaria M57 -M27- la nebulosa M8 ed infine la galassia M31 e la nebulosa velo NGC6992-6960….

Come dimenticare, poi, la Via Lattea? Ieri sera era impressionante e ci consentiva di ammirare la sua bellezza con una sorpresa in più: riconoscere le sacche nere presenti nel suo corso, davvero ben contrastate.

Escursione Notturna

Escursione astronomica alle pendici del Monte Velino Escursione astronomica alle pendici del Monte Velino Escursione astronomica alle pendici del Monte Velino Escursione astronomica alle pendici del Monte Velino Escursione astronomica alle pendici del Monte Velino Escursione astronomica alle pendici del Monte Velino Escursione astronomica alle pendici del Monte Velino Escursione astronomica alle pendici del Monte Velino Escursione astronomica alle pendici del Monte Velino Escursione astronomica alle pendici del Monte Velino Escursione astronomica alle pendici del Monte Velino Rifugio Casale da Monte

Montagne Selvagge – escursioni guidate nelle selvagge bellezze d’Abruzzo.

Per essere aggiornati su tutte le nostre attività potete iscrivervi alla newsletter di www.montagneselvagge.com, inserendo la vostra email e i vostri dati nell’apposita sezione. Oppure inviaci un messaggio tramite whatsapp al numero 3382717448 e riceverete individualmente i nostri aggiornamenti.

copertina

 

post

Fotografie dell’escursione guidata sul Monte Velino

Quattro giugno duemiliadiciassette

Un’intera giornata sul Monte Velino per godere dell’aria delle vette e respirare come non lo abbiamo mai fatto. Quando ti svegli presto e poi ti accorgi che una grande avventura sta iniziando, il tuo animo pulsa di mille riflessioni e pensieri, specialmente se si deve ascendere il Monte Velino, con i suoi 1500 m di dislivello e 16 km andata e ritorno. Il tuo corpo si abitua pian piano all’aria della vetta e alla primordialità delle altezze.

La stanchezza non é nulla se si arriva a godere di panorami mozzafiato come quelli che ti offre il Velino… il Signore del Lago, come lo chiamavano anticamente. Fare da guida per l’ascesa al Monte Velino per me é sempre una grande soddisfazione. Quando arriviamo tutti insieme sulla sommità di questa montagna, vedere i volti felici ed emozionati, ascoltare le parole di tutti e osservarli mentre guardano l’infinito, fa comprendere che la montagna é davvero una grande maestra di vita, capace di temprare corpo e spirito. Io ringrazio tutti per avermi dato fiducia ed avermi portato con voi in alto, a respirare l’aria delle vette 

 

Escursione guidata sul Monte VelinoEscursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte VelinoEscursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino Escursione guidata sul Monte Velino

post

Fotagrafie dell’escursione guidata nella foresta vetusta della Val Cervara

Val Cervara

Ventotto maggio duemiladiciassette

Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise. Escursione guidata nella foresta vetusta della Val Cervara, dove vive e respira la faggeta piú antica d’Europa. Quando l’uomo viveva a stretto contatto con la natura cercava in essa nuove energie e allora attraversare un bosco aveva il potere di pulire il proprio animo e la mente, donando loro nuove energie, riflessioni e risposte. Nella modernità, troppe volte, cerchiamo vie di uscita in sentieri che non appartengono al nostro istinto e camminiamo su campi privi di volontà. Il ritorno alla natura, anche per un solo giorno, fa tornare semplici e puri, senza un se, un ma e un perché a tutti i costi. Per essa non occorrono troppe domande né troppe risposte e le uniche che nascono in noi sono quelle che conducono alla libertà.

Ringrazio tutti coloro che vengono con me nelle mie escursioni, sacrificandosi anche con km e km di macchina. 

Val Cervara Val Cervara Val Cervara Val Cervara Val Cervara Val Cervara Val Cervara Val Cervara Val Cervara Val Cervara Val Cervara Val Cervara Val Cervara Val Cervara Val Cervara Val Cervara Val Cervara Val Cervara Val Cervara Val Cervara Val Cervara Val Cervara Val Cervara Val Cervara Val Cervara Val Cervara Val Cervara Val Cervara

post

Sul Cammino dei Briganti da Sante Marie a Santo Stefano

Ventitré aprile duemiladiciassette

“Vi è una proprietà all’orizzonte che non appartiene a nessuno, se non a colui il cui occhio é capace di assemblare le parti, cioè il poeta”. Questa frase mi riviene alla mente mentre penso all’escursione guidata sul Cammino dei Briganti, da Sante Marie a Santo Stefano. Avevo appena iniziato a percorrere queste antiche vie di comunicazione tra paese e paese quando un anziano, fermandomi mi disse: “ohh! Capellò… tu che vai in montagna!! Lo sai che io, alla tua età, andavo tutti giorni a piedi a Rosciolo dei Marsi per incontrare la mia amata, gli davo un bacetto e poi tornavo a casa e lo facevo anche di notte?!?”. Questa cosa mi incuriosì molto e cominciai a camminare su questi sentieri, ripensando alla vita di una volta come se la riscoprissi dentro di me. Il 23 aprile abbiamo percorso una tappa del Cammino dei Briganti, con la collaborazione del comune di Sante Marie, la Riserva Naturale Regionale Grotte di Luppa e la cooperativa Ambiente e/è Vita onlus. Partendo dal bellissimo paese di Sante Marie siamo arrivati a Santo Stefano, compiendo una parte dell’intero tragitto, che dura una settimana ed ha una lunghezza di 100 km. La nostra tappa è stata emozionante in ogni suo angolo: mulattiere, carrareccie, sentieri di montagna, boschi, panorami indomabili… il tutto in un silenzio invidiabile, che solo la natura può donarci. È stato bello incontrare, cammin facendo, gente venuta da vari luoghi d’Italia intenta ad affrontare l’intero percorso: l’Abruzzo merita di essere conosciuto anche grazie a questi tragitti storici che danno modo a chi li percorre di condividere esperienze e libertà. Grazie a tutti per questa bellissima giornata Montagne.

 

IMG_3631 IMG_3637 IMG_3638 IMG_3682 IMG_3684 IMG_3703 IMG_3709 IMG_3710 IMG_3711 IMG_3722 IMG_3726 IMG_3730 IMG_3735 IMG_3742 IMG_3743 IMG_3751 IMG_3755 IMG_3756 IMG_3758 IMG_3771