Gallery


Oggi tra cervi e grifoni.

Osservati dal Monte Velino.

La neve rende magia e dona bellezza ai propri occhi. Quando ti fermi e ti guardi intorno per ammirare i boschi, le vette innevate, le nuvole e i colori del cielo, ogni parte di te respira una nuova aria di felicità e rilassatezza. Poi, all’improvviso, vedi sopra la tua testa il volo maestoso del grifone: (Gyps fulvus), un avvoltoio di grandi dimensioni (dai 9-12 chilogrammi) ed un’apertura alare variabile da 240 a 280 centimetri, ed il tuo pensiero vola insieme ad esso.

Leggi Tutto

In sopralluogo nei boschi di Camporotondo, nel comune di Cappadocia.
In compagnia di Alberto, guidati dal signor Loreto, esperto conoscitore del posto, abbiamo “esplorato” e conosciuto una piccola parte della faggeta piú grande d’Europa. 

Bene… in una intensa giornata abbiamo ripercorso le storie dei carbonai e visto dove facevano il carbone. Abbiamo scoperto le “calcare”: forni di origine antica per fare la calce e osservato il passaggio della lepre e della volpe. 

Leggi Tutto

La faglia del terremoto della Marsica

Quando siamo stati nel paese fantasma di Sperone e sul Monte Serrone, dove restano ben visibili i segni del terribile terremoto che distrusse gran parte della Marsica il 13 gennaio del 1915, siamo rimasti profondamente colpiti vedere da vicino la faglia di questo terremoto. Il pendio del monte, infatti, è segnato da una lunga faglia visibile nel video che ho condiviso di seguito.  È stato veramente toccante osservare questi segni nella roccia… ed il pensiero va alle genti che con grande forza e volontà non si arresero e ricostruirono.

 

Leggi Tutto

La risorgente del fiume Imele

Tagliacozzo (Aq)

 

Risorgenti dell’Imele

L’Imele, noto affluente del Tevere, citato anche da Virgilio nell’Eneide, è un idronimo probabilmente coniato dagli abitanti primitivi di questi luoghi, come espressione dell’immagine della mente umana.

Secondo alcuni richiama o il vocabolo latino hiemns (inverno, freddo) o ancor meglio l’aggettivo latino imus (profondità) che ben si associano alla realtà del fiume. Dunque Imele, “il fiume freddo delle profondità”.

Leggi Tutto

Ventitrè dicembre duemiladiciotto

Oggi una belllissima escursione alla scoperta di Tagliacozzo, del fiume Imele e della sua storia! 

 

 

Chi temeva che la nebbia avrebbe compromesso l’esperienza di cammino si è ricreduto quasi subito, perche grazie a lei abbiamo apprezzato una dimensione magica che ha esaltato i nostri stessi sensi, la condivisione delle emozioni, prima tra tutte quella generata da un silenzio “assordante” che ci ha detto molto.

Può esser stato il gorgoglio delle acque alle risorgenti del fiume, l’umidità della nebbia nei capelli, il vento che piegava dolcemente i pini, la luce magnifica che ci ha accolti sul monte della Difesa, i due cagnolini che ci hanno seguiti festosi, le bacche di rosa canina che abbiamo spremuto fino a succhiarne la polpa, il profumo del sottobosco, il segno del lupo nei resti del suo pasto di predatore infallibile.

Può essere stato questo, o molto altro. 

Nella geologia, nella natura, nella storia che si è disvelata a noi, fatto sta che bastava solo osservare e avere la capacità di mettersi in ascolto.

Di noi stessi come dell’altro.

Grazie a tutti i partecipanti per aver condiviso con noi queste emozioni

 


Leggi Tutto

Otto dicembre duemiladiciotto
Un viaggio in compagnia della Cometa di Natale
Escursione astronomica dal Rifugio Casale da Monte a Colle Pelato.
Parco Naturale Regionale Sirente Velino.

Sono le 17:30, ancora qualche spiraglio di luce illumina il sentiero che porta verso colle pelato.
L’aria è tersa e il freddo è pungente, ma ci aspetta una lunga serata all’insegna del buon umore, gastronomia e astronomia. Partiamo per l’escursione astronomica e dopo dieci minuti di cammino iniziamo con le prime costellazioni: il Cigno, l’Aquila e la Lira che ormai volgono verso il tramonto, cosi come pure il Triangolo estivo formato da Deneb, Altair e Vega, le rispettive stelle alfa delle sudette costellazioni. Subito dopo l’intramontabile costellazione del Piccolo Carro, la Giraffa e si riparte! E poi Cassiopea, Cefeo, Andromeda, Perseo, la Balena ed infine Pegaso, tutte legate tra loro per sempre in una delle più belle storie mitologiche.


Ma lì, sull’orizzonte est, la costellazione di Orione, sorta da poco, inizia a rubare la scena; siamo fuori ad osservare al telescopio, puntiamo varie stelle: Betelgeuse, Altair e Capella, ma fanno bella mostra anche l’Auriga, il Toro, l’Ariete, i Gemelli, i Pesci ed il Cane minore. A fine serata osserviamo il Cane maggiore in tutto il suo splendore.
Nel frattempo, durante le osservazioni con il telescopio, abbiamo fotografato diversi oggetti, quelli che stiamo osservando al telescopio con i nostri occhi. Ma ancora abbiamo in serbo una grande sorpresa e l’ora è quella giusta. È alta in cielo e si mostra nella sua antica bellezza: la cometa 46/P Wirtanen, la fotografiamo ed infine la puntiamo al telescopio… e con lei viaggiamo!

BY Franco Salvati 

 

Leggi Tutto

Iscriviti alla newsletter di Montagne Selvagge e verrai aggiornato su tutte le nostre attività



Proseguendo la navigazione di questo sito accetti l'utilizzo dei cookies e l'intera privacy policy della quale puoi prendere lettura