post

Resoconto fotografico dell’escursione guidata sul Corno Grande

Gran Sasso d'Italia

Nove luglio duemiliadiciassette

Escursione guidata sul Re degli Appennini, il Corno Grande, nel Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga.

Firenze, Salerno, Isernia, Lanciano, Pescara, Roma, Val Vibrata, Avezzano, Teramo… questo sono alcune delle località di provenienza dei tanti partecipanti che ieri sono saliti con me e Alberto Cuccagna sul maestoso Corno Grande.
Il caldo non ci ha frenati e gli splendidi panorami fino a vista mare si sono offerti a noi, passo dopo passo.

Il Gran Sasso è un Re che si mostra fiero e possente con le sue rocce nude e forti.
L’arrivo in vetta non è stata la conclusione di un percorso scontato: l’intero tragitto, al contrario, si è rivelato scoperta continua ed emozionante, dall’inizio alla fine.

Grazie a tutti!!

Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia  Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia

post

Escursione guidata sulla Serra di Celano

 

IMG_2688 Serra_di_Celano_-_panoramio

Sabato 13 maggio
Escursione guidata sulla Serra di Celano

Da Ovindoli alla Serra di Celano
Elegante da tutti i versanti, la Serra di Celano è stata per decenni una delle mete più care agli alpinisti e agli escursionisti dell’Appennino centrale, e offre un panorama che include il Velino, il Gran Sasso, la Majella, i Simbruini e i monti del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise. L’itinerario che la raggiunge da Ovindoli è il più breve e piacevole.

Dislivello: 500 m ca
Durata: 6 ore ca (soste incluse)
Difficoltà: E
Lunghezza a/r: 10 km

Appuntamento: ore 8,30 nel paese di Ovindoli (Aq)
Il programma potrà subire variazioni in base alle condizioni meteo e sarà annullato se non si raggiungerà il numero minimo di partecipanti.
Obbligatoria la prenotazione entro le 12,00 del giorno prima.
La guida si riserva di escludere le persone che non hanno un equipaggiamento adeguato.

Min. 5 – Max. 20 partecipanti

Costi del trekking:
€ 15 a persona, comprensivo di escursione guidata a cura di un Accompagnatore di Media Montagna/ Maestro di Escursionismo del Collegio Regionale Guide Alpine Abruzzo e copertura assicurativa per tutta la durata dell’evento ( RC Professionale).

Possibilità di pernotto in B&B

Materiale ed Equipaggiamento:
Zaino da montagna, scarpe da trekking, copri zaino per pioggia, bastoncini telescopici, maglietta, pile o maglione, giacca a vento impermeabile, pantaloni comodi per la camminata, maglietta di ricambio, cappello, berretto per protezione raggi UV, guanti, medicinali personali, occhiali da sole, sacchetti biodegradabili per immondizia, borraccia per l’acqua (1,5 lt), sali minerali, frutta secca, pranzo al sacco.

Info e prenotazioni:
Ercole Marchionni 3382717448
info@montagneselvagge.com
www.montagneselvagge.com

copertina
Montagne Selvagge – escursioni guidate nelle selvagge bellezze d’Abruzzo.
Per essere aggiornati su tutte le nostre attività potete iscrivervi alla newsletter di www.montagneselvagge.com, inserendo la vostra email e i vostri dati nell’apposita sezione. Oppure inviaci un messaggio tramite whatsapp al numero 3382717448 e riceverete individualmente i nostri aggiornamenti.

logo ACCOMPAGNATORE Guide Alpine Abruzzo

post

Sul Cammino dei Briganti da Rosciolo dei Marsi a Cartore

IMG_1593

 

Domenica 12 marzo

Sul Cammino dei Briganti
Da Rosciolo dei Marsi a Cartore… e ritorno.

Andremo a percorrere una delle tappe del “ Cammino dei Briganti”
La Marsica e il Cicolano sono terre di boschi, montagne e storie di briganti. In particolare il territorio attraversato da questo cammino è un territorio di confine, oggi tra Abruzzo e Lazio, ieri tra Stato Pontificio e Regno Borbonico. I briganti vivevano sul confine per passare da una parte all’altra a seconda della minaccia. I briganti non erano malviventi, lottavano contro l’invasione dei Sabaudi, che avevano costretto il popolo a entrare nell’esercito. Erano spiriti liberi, che non volevano assoggettarsi ai nuovi padroni, e per questo erano entrati in clandestinità. Una storia fatta anche di rapimenti, riscatti, e tanta violenza.
Una storia di 150 anni fa. Oggi l’esperienza dei viaggiatori antichi viene riproposta basata sul viaggiare a piedi da paese a paese lungo questo cammino

Da Cartore si risale al Passo Le Forche, sotto il Monte Velino, e si scende a Santa Maria in Valle Porclaneta, altro luogo carico di suggestioni, tra le quali una magnifica chiesa romanica, capolavoro d’arte del X secolo.

Dislivello andata: 250 m ca
Dislivello ritorno: 300 m ca
Dislivello complessivo positivo: 550 ma ca
Durata: 6 ore ca ( soste incluse)
Difficoltà: E
Lunghezza a/r: 11 km ca

Appuntamento e partenza: ore 9,00 al parcheggio di Santa Maria in Valle Porclaneta , Rosciolo dei Marsi

Su prenotazione possibilità di pranzo a Cartore ( menù alla carta)

Il programma potrà subire variazioni in base alle condizioni meteo e sarà annullato se non si raggiungerà il numero minimo di partecipanti.
Obbligatoria la prenotazione entro le 12,00 del giorno prima.
La guida si riserva di escludere le persone che non hanno un equipaggiamento adeguato.

Min 5 – Max 20 partecipanti

Costi del trekking:
€ 15 a persona, comprensivo di escursione guidata a cura di un Accompagnatore di Media Montagna/ Maestro di Escursionismo del Collegio Regionale Guide Alpine Abruzzo e copertura assicurativa per tutta la durata dell’evento.

Possibilità di pernotto in B&B

Materiale ed Equipaggiamento:
Zaino da montagna, scarpe da trekking, coprizaino per pioggia, bastoncini telescopici, maglietta, pile o maglione, giacca a vento impermeabile, pantaloni comodi per la camminata, maglietta di ricambio, cappello, guanti, medicinali personali, occhiali da sole, sacchetti biodegradabili per immondizia, borraccia per l’acqua (1,5 lt), sali minerali, frutta secca, pranzo al sacco (se non si prenota il pranzo presso la struttura)

Info e prenotazioni:
Ercole Marchionni 3382717448
info@montagneselvagge.com
www.montagneselvagge.com

 

Logo montano Ercole png

Santa Maria in Valle Porclaneta

Santa Maria in Valle Porclaneta

post

Alla scoperta della Valle d’Amplero e delle tombe degli antichi guerrieri marsi

Amplero

Amplero

Sabato 4 marzo 2017

Alla scoperta della Valle d’Amplero e le tombe degli antichi guerrieri marsi

Dislivello: 150 m ca

Durata: 4 ore

Difficoltà: E

Su prenotazione possibilità di pranzo a Collelongo al costo di € 15 ( primo,secondo, contorno, acqua, caffè, liquore)

Appuntamento: ore 8.30 ad Avezzano ( uscita autostradale)

 Facile escursione di importantissimo valore storico.

Visiteremo l’area fortificata sul colle detto La Giostra e la cosiddetta Necropoli del Cantone

Il percorso percorre sentieri tra le montagne immediatamente a ridosso della conca del Fucino e nessuno potrebbe mai sospettare che i fitti boschi poco distanti dal piccolo comune di Collelongo (AQ) nascondano segreti di valore innestimabile e pagine di storia antica ancora non del tutto decifrate. Eppure i colli che a nord est del borgo abitato circondano l’area piana di Amplero, a sud dell’ex bacino del Fucino, furono terra attiva e vitale fin dal VI secolo a. C., rivelando tracce degli antichi popoli autoctoni, ben prima dell’arrivo dei romani nel territorio abruzzese.

 Il programma potrà subire variazioni in base alle condizioni meteo e sarà annullato se non si raggiungerà il numero minimo di partecipanti.

Obbligatoria la prenotazione entro le 12,00 del giorno prima.

La guida si riserva di escludere le persone che non hanno un equipaggiamento adeguato.

 Min 5 – Max 15 partecipanti

 Costi del trekking:

€ 15 a persona per ogni escursione, comprensivo di escursione guidata a cura di un Accompagnatore di Media Montagna/ Maestro di Escursionismo del Collegio Regionale Guide Alpine Abruzzo e copertura assicurativa per tutta la durata dell’evento.

 Possibilità di pernotto in B&B

 Materiale ed Equipaggiamento:

Zaino da montagna, scarpe da trekking, coprizaino per pioggia, bastoncini telescopici, maglietta, pile o maglione, giacca a vento impermeabile, pantaloni comodi per la camminata, maglietta di ricambio, cappello, guanti, medicinali personali, occhiali da sole, sacchetti biodegradabili per immondizia, borraccia per l’acqua (1,5 lt), sali minerali, frutta secca, pranzo al sacco (se  non si prenota il pranzo presso la struttura)

Info e prenotazioni:

Ercole Marchionni 3382717448

info@montagneselvagge.com

www.montagneselvagge.com

Amplero

Accompagnatore di Media Montagna



post

Trekking: il paese fantasma e le sue vette

Speone

Sperone

Domenica 19 febbraio 2017

Escursione guidata professionalmente!

Trekking tra paesi fantasma e vette!

In cammino tra paesi antichi e natura selvaggia. Con questo appuntamento vi porteremo a visitare il paese fantasma di Sperone e la vetta del Monte Serrone, alle porte dello storico Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise.

Bellissimo itinerario che percorre le antiche vie di comunicazione tra un paese e l’altro. Anticamente erano usate per gli spostamenti lavorativi o per incontrare la propria amata o il proprio amato.

Dislivello: 650 m
Durata: 5 ore ca ( soste incluse)
Difficoltà: E
Lunghezza a/r: 11  km ca

Appuntamento e partenza: ore 9,00 a Gioia dei Marsi – Piazza Savoia, vicino il benzinaio.
Dal paese di Gioia dei Marsi località Fontana Vecchia inizia il sentiero che porta alla torre di Sperone. Il sentiero è nominato V2, il tempo di percorrenza è di 1.30 h, con un livello di difficoltà E. Il sentiero inizia con una strada sterrata per poi deviare all’interno del boschetto. Molto belli sono i muretti tirati a secco che si incontrano lungo il cammino ed in giugno il colore dominante è il giallo delle ginestre ed il loro profumo.
Usciti dal boschetto si apre la radura dalla quale è possibile osservare la Torre . Proseguendo lungo la radura s’incontra prima il vecchio borgo di Sperone poi la chiesa di S. Nicola e infine la Torre che si affaccia su di un impervio vallone e sul Fucino. Volendo si può proseguire fino a raggiungere la vetta del monte Serrone dove c’è un piccolo rifugio. Il Serrone è noto per lo sport del parapendio e da un punto di vista geologico, per la faglia generatasi con il devastante terremoto del 1915.

Balcone naturale della Marsica, sentinella silenziosa e strategica sin dall’epoca della prima fortificazione romana, del paese di Sperone non restano oggi che mura, tetti e stanze senza arredi in attesa di nuovi segni del tempo, testimoni muti di una storia che in pochi ricorderanno. Abbandonata definitivamente dopo gli anni settanta per via dell’impervio isolamento che nei secoli era stato la sua fortuna, subì la sorte di chi non riesce a correre al passo coi tempi, spegnendosi lentamente negli anni. Oggi la torre di un castello ormai scomparso domina l’impianto urbanistico di Gioia dei Marsi, dall’alto del Passo Sparnasio. Da lontano è la prima, tra le case che restano, ad indicare il vecchio borgo: guarda la valle da 8 secoli, ma da meno di uno non ha più generazioni che la ricordino come simbolo della propria città. Fu difficile per chi vi abitava abbandonare Sperone ed ogni pretesto fu lecito per rallentare quell’emorragia di giovani che parve irrefrenabile dal dopoguerra in poi.  I cittadini lottarono perché si migliorasse la viabilità, si garantissero servizi primari e si dicesse costantemente messa in paese fino all’ultimo. Persino quando tutto sembrò ormai irreversibile, cercarono di tornare al Borgo quanto più spesso possibile per attività rituali legate alla terra o al culto. Questa lotta contro il tempo durò oltre cinquant’anni e si concluse con l’ultimo amaro trasloco, quello delle salme di chi vi riposava da tempo, al cimitero, quando tutti i defunti vennero portati via per essere ricollocati anch’essi a valle, insieme ai vivi. Per chi torna oggi resta solo un campo di margherite al centro di un mazzo di case vuote: vogliamo credere che sia lo stesso dove, come narra la leggenda, trovarono pace i nemici del sanguinario signore che ebbe potere di vita e morte in questi luoghi, quando Sperone prosperava ed era la prima tra le vedette della marsica orientale.

Il programma potrà subire variazioni in base alle condizioni meteo e sarà annullato se non si raggiungerà il numero minimo di partecipanti.

Obbligatoria la prenotazione entro le 12,00 del giorno prima.
La guida si riserva di escludere le persone che non hanno un equipaggiamento adeguato.

Min 5 – Max 15 partecipanti

Costi del trekking:
€ 15 a persona, comprensivo di escursione guidata a cura di un Accompagnatore di Media Montagna/ Maestro di Escursionismo del Collegio Regionale Guide Alpine Abruzzo e copertura assicurativa per tutta la durata dell’evento.

Possibilità di pernotto in B&B

Materiale ed Equipaggiamento:
Zaino da montagna, scarpe da trekking, coprizaino per pioggia, bastoncini telescopici, maglietta, pile o maglione, giacca a vento impermeabile, pantaloni comodi per la camminata, maglietta di ricambio, cappello, guanti, medicinali personali, occhiali da sole, sacchetti biodegradabili per immondizia, borraccia per l’acqua (1,5 lt), sali minerali, frutta secca, pranzo al sacco.

Info e prenotazioni:
Ercole Marchionni 3382717448
info@montagneselvagge.com
www.montagneselvagge.com

Iscriviti alla newsletter di www.montagneselvagge.com, inserendo la vostra mail e i vostri dati nell’apposita sezione. Oppure inviaci un msg tramite WhatsApp al numero 3382717448 con il vostro nome e verrete aggiornati su tutte le nostre attività.

 

Sperone

Monte Serrone

Logo montano Ercole png

post

Escursione e Polentata

Valle Majelama

30 dicembre 2016
Parco Naturale Regionale Sirente Velino

Escursione guidata in Valle Majelama piú polentata al Rifugio Casale da Monte

Dove dimoravano antichi ghiacciai, osservati dal volo maestoso del grifone

Dislivello: 500 m ca
Durata a/r: 4,5 ore ca
Difficoltà: E

Appuntamento e partenza ore 8.00 al Rifugio Casale da Monte, nel comune di Massa d’Albe, in località Forme.

L’ampia e solenne Valle Majelama è una delle valli appenniniche create dall’azione degli antichi ghiacciai. Stretto tra la Costa della Sentina e il crestone est del Cafornia, la valle piega a sinistra e dopo 4 km ca prende il nome di Valle del Bicchero. La valle è chiusa dal 15 febbraio al 15 agosto per rendere più tranquilla la nidificazione di una coppia di aquile.

Il programma potrà subire variazioni in base alle condizioni meteo e sarà annullato se non si raggiungerà il numero minimo di partecipanti.
Obbligatoria la prenotazione entro le 12 del giorno prima per chi voglia partecipare alla sola escursione.
Entro il 27 per chi voglia partecipare anche alla polentata.

La guida si riserva di escludere le persone che non hanno un equipaggiamento adeguato.

Min 5 – Max 15 partecipanti per l’escursione.

Per la polentata il numero minino di partecipanti dovrà essere 9.

Costi del trekking:
€ 15 a persona, comprensivo di escursione guidata a cura di un Accompagnatore di Media Montagna/ Maestro di Escursionismo del Collegio Regionale Guide Alpine Abruzzo e copertura assicurativa per tutta la durata dell’evento.

€ 20 per la polentata in Rifugio

Il pranzo consiste in un tagliere con formaggi e salumi, polenta, spuntature di maiale e salsicce al sugo, bevande, caffe e amaro.
Su richiesta anche un menù senza carne per vegetariani.

Possibilità di pernotto in B&B su richiesta

Materiale ed Equipaggiamento:
Zaino da montagna, scarpe da trekking, coprizaino per pioggia, bastoncini telescopici, maglietta, pile o maglione, giacca a vento impermeabile, pantaloni comodi per la camminata, copripantaloni per pioggia, maglietta di ricambio, cappello, guanti, crema solare, medicinali personali, antizanzare, occhiali da sole, berretto per protezione raggi UV, sacchetti biodegradabili per immondizia, borraccia per l’acqua (2 lt), sali minerali, frutta secca, frutta, barrette energetiche.
Info e prenotazioni:
Ercole Marchionni 3382717448
info@montagneselvagge.com

 

Valle Majelama Valle Majelama

post

Escursione guidata al Rifugio Coppo dell’Orso

Coppo dell'Orso

Domenica 11 dicembre 2016

Escursione guidata al Rifugio Coppo dell’Orso

Escursione: Fontanile di Tricaglio – Coppo dell’Orso (1870 m)
Dislivello: 800 m ca
Durata ascesa : 3 ore
Difficoltà: E
Partenza: ore 8,00
Lunghezza: a/r 7 km ca

Appuntamento ore 7,30 presso il monumento ai caduti in Piazza Torlonia ad Avezzano, ci sposteremo con mezzi propri verso il paese di Villavallelonga.

Da Villavallelonga si prende la strada che si inoltra nella valle e nel Parco Nazionale d’Abruzzo. Si parcheggia nei pressi del Fontanile di Tricaglio e si prende il sentiero che porta a Fonte Astuni.
L’attacco per il Rifugio Coppo dell’Orso (R2 PNA) è alla Fonte. All’inizio ci si può perdere, si sale sull’asse rifugio-Fonte con le spalle alla Fonte per circa m .100/150. Se ci si accorge che si è un poco destra o poco a sinistra , il sentiero è sbagliato ed è un altro sentiero in diagonale .
Dopo il sentiero si apre molto bene e si definisce su un crinale di roccia al centro di due Valli a sinistra Valle Fossate e a destra Vallone Martina. Il sentiero sale a zig zag con forti pendenze. Tutto il sentiero è dentro al bosco di Faggio di alto fusto e di grosse dimensioni. All’approssimarsi della cima, i faggi lasciano il posto ai cespugli battuti dal vento e i cespugli al prato- pascolo di alta quota. All’uscita dal bosco il sentiero curva in diagonale a sinistra. L’orizzonte si apre sempre di più fino a vedere il tetto del rifugio.

Il programma potrà subire variazioni in base alle condizioni meteo e sarà annullato se non si raggiungerà il numero minimo di partecipanti.

Obbligatoria la prenotazione entro le 12,00 del giorno prima.
La guida si riserva di escludere le persone che non hanno un equipaggiamento adeguato.
Min 5 – Max 15 partecipanti

Costo dell’escursione:
€ 15 a persona comprensivo di escursione guidata a cura di un Accompagnatore di Media Montagna/ Maestro di Escursionismo del Collegio Regionale Guide Alpine Abruzzo e copertura assicurativa per tutta la durata dell’evento.

Per chi fosse interessato a venire il giorno prima, possiamo trovarvi un buon B&B

Materiale ed Equipaggiamento:
Zaino da montagna, scarpe da trekking, coprizaino per pioggia, bastoncini telescopici, maglietta, pile o maglione, giacca a vento impermeabile, pantaloni comodi per la camminata (no jeans), maglietta di ricambio, cappello, guanti, medicinali personali, antizanzare, occhiali da sole, berretto per protezione raggi UV, sacchetti biodegradabili per immondizia, borraccia per l’acqua (2 lt), sali minerali, frutta secca, pranzo al sacco.
Info e prenotazioni:
Ercole Marchionni 3382717448
info@montagneselvagge.com

Iscriviti alla newsletter di www.montagneselvagge.com, inserendo la vostra mail e i vostri dati nell’apposita sezione. Oppure inviaci un msg tramite WhatsApp al numero 3382717448 con il vostro nome e verrete aggiornati su tutte le nostre attività.

accompagnatore di media montagna

Rifugio Coppo dell'Orso

post

Grotta di San Benedetto e Valle Majelama

img_20160807_153240

Grotta di San Benedetto

12 e 13 novembre 2016
Parco Naturale Regionale Sirente Velino

Sabato 12 Novembre – Osservati dal volo del grifone
Escursione alla Grotta di San Benedetto
Da Casale da Monte alla Grotta di San Benedetto (1610 m)
Dislivello: 550 m ca Va
Durata a/r: 5 ore
Difficoltà: E

Appuntamento e partenza ore 8,30 al Rifugio Casale da Monte nel comune di Massa d’Albe, in località Forme.

Le rocce ai piedi del Canalone e della crest Sud su ovest del Velino ospitano la Grotta di San Benedetto divisa in due ambienti, e che si apre in una parete verticale a 1610 m.
Il sito è mèta di pellegrinaggio per la gente dei paesi vicini, che da questa grotta ammirano spettacolari panorami sulla piana del Fucino.
L’itinerario supera nell’ultimo tratto delle rocce ripide ed erbose, abbastanza esposte, attrezzate con una cavo metallico.
Domenica 13 novembre – Dove dimoravano antichi ghiacciai
Escursione in Valle Majelama
Dislivello: 500 m ca
Durata a/r: 4,5 ore ca
Difficoltà: E

Appuntamento e partenza ore 8,30 al Rifugio Casale da Monte nel comune di Massa d’Albe, in località Forme.

L’ampia e solenne Valle Majelama è una delle valli appenniniche create dall’azione degli antichi ghiacciai. Stretto tra la Costa della Sentina e il crestone est del Cafornia, la valle piega a sinistra e dopo 4 km ca prende il nome di Valle del Bicchero. La valle è chiusa dal 15 febbraio al 15 agosto per rendere più tranquilla la nidificazione di una coppia di aquile.

Il programma potrà subire variazioni in base alle condizioni meteo e sarà annullato se non si raggiungerà il numero minimo di partecipanti.
Obbligatoria la prenotazione entro le 12,00 del giorno prima.
La guida si riserva di escludere le persone che non hanno un equipaggiamento adeguato.
Sarà possibile partecipare anche alla singola escursione del sabato e o della domenica.
Min 5 – Max 15 partecipanti
Costi del trekking:
€ 30 a persona, per entrambe le escursioni, comprensivo di escursione guidata a cura di un Accompagnatore di Media Montagna/ Maestro di Escursionismo del Collegio Regionale Guide Alpine Abruzzo e copertura assicurativa per tutta la durata dell’evento.
Sarà possibile partecipare anche ad una singola escursione, al costo di € 15 a persona per escursione.
Possibilità di pernotto in B&B
€ 50 camera doppia, € 30 camera singola, comprensivo di prima colazione.
€ 18 pranzo al Rifugio Casale da Monte se si raggiungono i 10 partecipanti, altrimenti in altro ristorante della zona a scelta con prezzo variabile.
€ 18 cena al Rifugio Casale da Monte se si raggiungono i 10 partecipanti, altrimenti in altro ristorante della zona a scelta con prezzo variabile.
Materiale ed Equipaggiamento:
Zaino da montagna, scarpe da trekking, coprizaino per pioggia, bastoncini telescopici, maglietta, pile o maglione, giacca a vento impermeabile, pantaloni comodi per la camminata, copripantaloni per pioggia, maglietta di ricambio, cappello, guanti, crema solare, medicinali personali, antizanzare, occhiali da sole, berretto per protezione raggi UV, sacchetti biodegradabili per immondizia, borraccia per l’acqua (2 lt), sali minerali, frutta secca, pranzo al sacco.
Info e prenotazioni:
Ercole Marchionni 3382717448
info@montagneselvagge.com

Lago della Duchessa – resoconto escursionistico di Annalisa de Blasis

Lago della Duchessa

Lago della Duchessa

16 ottobre 2016

Quando ti organizzi per partecipare ad un’escursione, quasi sempre già sai che passerai una bella giornata. E così ️domenica ci mettiamo in macchina e ci avviamo verso il luogo di incontro per affrontare la giornata che, avanzando tra salite e passi in piano, ci porta su, alla scoperta del lago della Duchessa. La prima persona che conosciamo è Ercole, la guida: a primo impatto ragazzo educato, sembra un tipo tranquillo. Poi ci presentiamo a quelli che saranno i nostri compagni di viaggio. Ercole ci dà qualche foglio: fotocopie di libri che lasciano già intravedere un filo di poesia. Zaini in spalla. Bacchette. Scarpe allacciate bene. Ci siamo … Si parte! Il clima nel gruppo comincia subito a diventare familiare. Anche se bisogna conservare il fiato per il dislivello che ci aspetta (quasi 900m), non manca il fiato per qualche battuta e frase di incoraggiamento. Già dalle prime tappe si iniziano a scattare foto anche con i nuovi compagni. Sembra di conoscersi da sempre. La natura ti strappa sorrisi già di suo, ma qui è davvero una cornice stupenda. Si sale, si sale e si arriva su! Lo spettacolo ci lascia senza parole! I “Wow”, che appartengono solitamente solo ai bambini, ora sono concessi anche agli adulti: accade questo quando la montagna ti sorprende con i colori dell’autunno e con un lago nascosto che giace tra le montagne! Un viaggio pieno di emozioni, paesaggi meravigliosi. Salite ripide. Sorrisi incondizionati baciati dai raggi del sole. Silenzi di una sana fatica. Sudore di piacevoli piccole conquiste. Il più é fatto! Adesso bisogna tornare indietro. Il gruppo è saldo, affiatato, compatto. Alcuni raccontano le loro storie, altri condividono le proprie esperienze. È difficile staccarsi dallo spettacolo che regala il lago, ma bisogna iniziare a tornare indietro. Prima una piccola sosta per il pranzo. Relax. I raggi del sole splendono come non mai in un insolito caldo 16 ottobre. Durante la sosta Ercole tira fuori un libro e ci invita a riprendere i fogli consegnati prima della partenza. Legge “Walden, Vita nei boschi” di Henry David Thoreau. Magia indiscussa tra i colori dell’autunno. Dopo questa tappa rigenerativa per lo spirito… si riparte! Il rientro ci aspetta! Siamo partiti come semplici escursionisti con una guida come tante e siamo invece tornati come un gruppo di amici ed con Ercole, un punto di riferimento, uomo preparato, paziente, appassionato e competente, umile e carismatico. Una persona come poche. Un grande grazie in attesa di rivivere presto un’esperienza così bella!

Migliaia di persone stanche, stressate e fin troppo “civilizzate”, stanno cominciando a capire che andare in montagna è tornare a casa e che la natura incontaminata non è un lusso ma una necessità. (John Muir)

 

14732315_713479968804653_1882035104838102532_n 14717120_713480292137954_5933905059790248059_n 14705797_713480352137948_641434438993894566_n 14702390_713480095471307_1350230955581145938_n 14691004_713479938804656_3116891177762231321_n 14690954_713480038804646_1807660939558581043_n 14670909_713480465471270_4763095452678813891_n 14670887_713480258804624_3202785087664690728_n Lago della Duchessa

Escursione alla Val Cervara: resoconto fotografico di Maddalena Sebellin

Ventitré ottobre duemilasedici

Bellissima escursione nella Val Cervara, nel Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise.
Un gruppo di persone veramemte in gamba che, alla scoperta della faggeta piú antica d’Europa, ha assaporato la saggezza degli antichi alberi, ascoltato il silenzio del bosco, accarezzato una leggera pioggia, camminato sul sentiero dell’orso e del lupo e ammirato panorami che donano cure e vitalità.

Val Cervara 14590368_10207544685718986_2056120208579903583_n14606267_10207544709559582_6921657167996579434_n14572292_10207544697679285_4012684397293187913_n 14606494_10207544699359327_6436075032345018893_n 14650542_10207544706759512_8018066426149715876_n 14670828_10207544695719236_7950049039093028417_n 14671252_10207544688919066_1026385273040773200_n 14681830_10207544701079370_2964588888248750843_n 14690970_10207544705679485_2466064183910502170_n 14695432_10207544698159297_345553514359482296_n 14695543_10207544689359077_6202526433728087164_n 14695589_10207544689679085_8696221566031217982_n 14702245_10207544684558957_1762378989193842620_n 14702314_10207544701759387_3023324880654998754_n 14702324_10207544711159622_6313913504103209397_n 14702480_10207544173546182_4867837095385546527_n 14705608_10207544172946167_4566907047707654707_n 14705686_10207544696799263_2836012923618257788_n 14708143_10207544690159097_1662286553018585816_n 14708236_10207544171986143_3954860379696792593_n 14716118_10207544707399528_3568628412198324945_n 14717059_10207544691319126_6937795096324524665_n 14717301_10207544704599458_7172477401279267997_n 14717323_10207544698639309_1956367926336947143_n 14718629_10207544167106021_2486347875677746413_n 14720369_10207544170106096_2181493926905386345_n14695505_10207544170826114_5239332418635079554_n 14720498_10207544700719361_1887885616933292673_n 14720615_10207544684958967_4781608121911897465_n 14721463_10207544704159447_6526005418574325072_n 14721485_10207544706999518_6419515125159919720_n 14721511_10207544694239199_320187154832975208_n 14721641_10207544172546157_592664812680914237_n 14724449_10207544166306001_7502943564884546190_n 14724514_10207544683958942_6443611045451235300_n 14724532_10207544710679610_5672731875639107275_n 14725498_10207544709919591_1833743576133452281_n 14725544_10207544167386028_5896565057092527413_n 14725647_10207544702879415_7447999900966968479_n 14731212_10207544688519056_8265059089738544837_n 14732297_10207544692239149_2383812658979045735_n 14732368_10207544686238999_3820667862230532510_n14691090_10207544711399628_2311038301372644568_n14729293_10207544712199648_2524873421624740778_n 14732415_10207544712719661_6861589225582213424_n