Posts Tagged "escursioni guidate"


Sulla Vetta del Re degli appennini, il Gran Sasso d’Italia
Domenica 8 luglio 2018
Escursione guidata sul Corno Grande – Vetta Occidentale (2912 m), dalla “ via normale”

Dislivello: 800 m ca
Durata: 6 ore ca ( soste incluse)
Difficoltà: EE

Appuntamento e partenza: ore 7,30 al parcheggio dell’Albergo di Campo Imperatore


“Ora descriverò e disegnerò un Monte che è detto Corno, il quale è il più alto che sia in Italia et è posto nella
Provincia d’Abruzzo”. Inizia così il racconto della salita al Corno Grande, che l’ingegnere militare bolognese Francesco De Marchi compie nell’agosto del 1573. Accompagnato da due amici e da tre cacciatori di camosci locali, sale a cavallo al Passo della Portella e alla conca di Campo Pericoli, dove i cavalli si devono fermare…

Dall´albergo si segue il sentiero segnato che dall´osservatorio astronomico sale in direzione del ben visibile Rifugio Duca degli Abruzzi. Dopo pochi metri ad un bivio si prende a destra un sentiero, all´inizio pianeggiante, che traversa sotto il Monte della Portella conducendo infine con agevole percorso sulla Sella di Monte Aquila. Si lascia qui il sentiero che procede lungo la cresta e se ne prende uno che si stacca a sinistra in direzione del grande ghiaione del Brecciaio. Lo si risale un po’ faticosamente fino a raggiungere la Sella del Brecciaio, all´inizio della cresta W del Corno Grande (trascurare l´indicazione per la Via delle Creste). Si continua a risalire il sempre più sassoso pendio sulla destra fino a raggiungere la Conca degli Invalidi. La si attraversa, tralasciando a destra i segni che portano sulla cresta W, in direzione del ripido pendio di sfasciumi e ghiaie che costituisce il versante nord-occidentale del Corno Grande. Giunti in cresta (bello l´affaccio sulla Conca del Calderone) si prosegue sulla destra aggirando alcune roccette (tratti esposti) ed in breve si è sulla vetta.


Il programma potrà subire variazioni in base alle condizioni meteo e sarà annullato se non si raggiungerà il numero minimo di partecipanti.
E’ richiesta una buona preparazione fisica.
Obbligatoria la prenotazione entro le 12,00 del giorno prima.
La guida si riserva di escludere le persone che non hanno un equipaggiamento adeguato.

Min 5 – Max 20 partecipanti con due Accompagnatori di Media Montagna

Costi del trekking:
€ 20 a persona, comprensivo di escursione guidata a cura di un Accompagnatore di Media Montagna/ Maestro di Escursionismo del Collegio Regionale Guide Alpine Abruzzo e copertura assicurativa (Rct professionale) per tutta la durata dell’evento.


Materiale ed Equipaggiamento:
Zaino da montagna, scarpe da trekking, coprizaino per pioggia, bastoncini telescopici, maglietta, pile o maglione, giacca a vento impermeabile, pantaloni comodi per la camminata, maglietta di ricambio, cappello, guanti, medicinali personali, occhiali da sole, sacchetti biodegradabili per immondizia, borraccia per l’acqua (2 lt), sali minerali, frutta secca, pranzo al sacco ( RC Professionale).


Info e prenotazioni:
Ercole Marchionni 3382717448
info@montagneselvagge.com
www.montagneselvagge.com


Montagne Selvagge – escursioni guidate nelle selvagge bellezze d’Abruzzo.
Per essere aggiornati su tutte le nostre attività potete iscrivervi alla newsletter di www.montagneselvagge.com, inserendo la vostra email e i vostri dati nell’apposita sezione. Oppure inviaci un messaggio tramite whatsapp al numero 3382717448 e riceverete individualmente i nostri aggiornamenti.


Leggi Tutto

Domenica 25 febbraio 2018
Ciaspolata & polentata al Rifugio Sebastiani, nel Parco Naturale Regionale Sirente Velino.

Lunghezza a/r: 14 km ca
Dislivello positivo: 560 m

Appuntamento ore 8.30 presso Campo Felice (uscita autostradale A24-Tornimparte) nei pressi del Ristorante Alantino.

 


Due tra gli itinerari più classici dell’Appennino abruzzese conducono al rifugio Vincenzo Sebastiani, spartano e accogliente punto d’appoggio inaugurato nel 1922 dalla Sezione di Roma del CAI nel cuore del massiccio del Velino, ai piedi delle cime del Costone e all’inizio di un magnifico sentiero che conduce alla vetta più alta del massiccio.
La comodità di accesso, la pendenza contenuta e la mancanza di pericoli oggettivi fanno sì che questo percorso sia molto frequentato con la neve. Oltre che con le ciaspole o a piedi, viene spesso percorso da scialpinisti, e da chi pratica il fondo-escursionismo. In tutte le stagioni, molti escursionisti proseguono dal rifugio verso la cima orientale del Costone, balcone verso l’alta Valle di Teve e il Velino. D’inverno questa breve salita, che si svolge su terreno ripido, richiede spesso l’uso dei ramponi. Negli ultimi anni, grazie alla professionalità e all’entusiasmo di Eleonora Saggioro e dei suoi colleghi nella gestione, il Sebastiani accoglie in estate concerti e incontri culturali. Il rifugio, oltre che dalla tarda primavera a fine estate, viene aperto anche in molti weekend invernali.
(Guide Iter)



L’escursione verrà guidata da un Accompagnatore di Media Montagna /Maestro di Escursionismo e Guida Alpina iscritti al Collegio Regionale delle Guide Alpine Abruzzo che, oltre a portarvi nel punto prestabilito con la massima professionalità ed esperienza, vi daranno informazioni utili, illustrando flora, fauna e geologia del territorio, senza tralasciare le tradizioni, le leggende e la cultura.

Il programma potrà subire variazioni in base alle condizioni meteo e sarà annullato se non si raggiungerà il numero minimo di partecipanti.
Obbligatoria la prenotazione entro le 18.00 del 23 febbraio.

Min 10– Max 20 partecipanti



Costi:
€ 20 a persona, comprensivo di escursione guidata e copertura
assicurativa (Rct professionale) per tutta la durata dell’evento.

€ 5 per l’affitto ciaspole

€ 13 per polentata

Vi preghiamo di segnalarci eventuali allergie o intolleranze alimentari.
Possibilità di pranzo per vegetariani!



Il modo migliore per tenere sempre sotto controllo la propria temperatura corporea è probabilmente quello di vestirsi a strati: uno strato primario per regolare la traspirazione, uno strato intermedio capace di mantenere la temperatura corporea costante ed uno strato superiore per proteggersi dagli agenti esterni



Materiale ed Equipaggiamento:
Zaino da montagna, scarpe da trekking, bastoncini telescopici, ciaspole, maglietta, pile o maglione, guanti, cappello, giacca a vento impermeabile, maglietta di ricambio, pantaloni, medicinali personali, borraccia per l’acqua (1,5 lt), sali minerali, frutta secca.



Info e prenotazioni:
Ercole Marchionni
Accompagnatore di Media Montagna
3382717448 anche whatsapp, info@montagneselvagge.com


 

Montagne Selvagge – escursioni guidate nelle selvagge bellezze d’Abruzzo.
Per essere aggiornati su tutte le nostre attività potete iscrivervi alla newsletterdiwww.montagneselvagge.com, inserendo la vostra email e i vostri dati nell’apposita sezione. Oppure inviaci un messaggio tramite whatsapp al numero 3382717448 e riceverete individualmente i nostri aggiornamenti.

 

Leggi Tutto

Ventotto gennaio duemiladiciotto
Riserva Naturale Regionale del Lago di San Domenico e del Lago Pio.
Escursione guidata da Villalago all’Eremo di San Domenico

Ci sono posti in cui l’uomo può trovare serenità semplicemente camminando e ammirando panorami. Se lo fai con rispetto incontrerai ancor di più quelle purità e semplicità che fanno bene alla nostra vita.
Nella Riserva Naturale Regionale del Lago di San Domenico e Lago Pio, nel comune di Villalago ci sono vette che al solo sguardo odorano di selvaggio, si possono incontrare le tracce dei cervi e del lupo e osservare antichi terrazzamenti, testimonianza di un antico paesaggio agro-pastorale.
Dal Lago Pio abbiamo attraversato il bellissimo paese di Villalago, visitato il museo delle Arti e Tradizioni popolari e, attraverso un bellissimo bosco di pini, siamo arrivati al Lago di San Domenico… meraviglia delle meraviglie!
Dal lago siamo stati in visita all’Eremo di San Domenico, dove, anticamente, quando l’uomo, nella sua spiritualità, cercava solitudine e riflessione, viveva a stretto contatto con la roccia, con Madre Natura e con i suoi elementi.

Grazie a tutti!

Leggi Tutto

Alle pendici del Monte Velino e del Monte Cafornia, nel Parco Naturale Regionale Sirente Velino, in Abruzzo, è possibile ammirare il volo maestoso del grifone (Gyps fulvus), un avvoltoio di grandi dimensioni (dai 9-12 chilogrammi) ed un’apertura alare variabile da 240 a 280 centimetri.

Negli anni passati era scomparso quasi ovunque in Italia, salvatosi dall’estinzione solo in Sardegna. E’ stato poi reintrodotto in Friuli-Venezia Giulia, in Sicilia e in Abruzzo. Il Corpo Forestale dello Stato ha reintrodotto con successo il grifone nella Riserva Naturale Orientata del Monte Velino, nel Parco Naturale Regionale Sirente Velino (Abruzzo), dove sono stati liberati 97 individui tra il 1994 ed il 2002.

Vederlo volare è un’emozione unica, ti trasmette quel senso di libertà che solo la natura può donarti. Il suo spirito antico deve essere preservato e custodito… come in un tempo in cui l’uomo, a stretto contatto con Madre Natura, vedeva in esso l’essere che portava lontano lo spirito dalla volgarità del mondo.

Leggi Tutto

 

Domenica 28 gennaio
Tra laghi, boschi, borghi, eremi, arti e tradizioni: Escursione guidata al Lago di San Domenico

 

Escursione guidata dal borgo di Villalago al Lago e all’Eremo di San Domenico, nella Valle del Sagittario

Con il patrocinio del Comune di Villalago, in collaborazione con la Riserva Naturale Regionale del Lago di San Domenico e Lago Pio e Ambiente e/è Vita Onlus.

Lunghezza a/r: 6 km
Dislivello positivo a/r: 250 m
Dislivello negativo a/r: 230 m
Durata: 4,5 (soste incluse)

Appuntamento e partenza ore 8.30 presso la piazza del paese di Villalago



Ci sono posti in cui l’uomo può trovare serenità semplicemente camminando e ammirando panorami. Se lo fai con rispetto incontrerai ancor di più quelle purità e semplicità che fanno bene alla nostra vita.
Nella Riserva Naturale Regionale del Lago di San Domenico e Lago Pio, nel comune di Villalago ci sono vette che al solo sguardo odorano di selvaggio, si possono incontrare le tracce dei cervi e del lupo e osservare antichi terrazzamenti, testimonianza di un antico paesaggio agro-pastorale.
Dal Lago Pio, attraversando il bellissimo paese di Villalago e, subito dopo, un bellissimo bosco di pini si arriva al Lago di San Domenico… meraviglia delle meraviglie! Le sue acque hanno un colore difficile da descrivere: in questo periodo è di un blu che definirei quasi elettrico, qualcosa di stupefacente, talmente trasparente da permettere di vedere anche il fondale e si potrebbe stare lì a guardarlo per ore…
Dal lago andremo in visita all’Eremo di San Domenico, dove, anticamente, quando l’uomo, nella sua spiritualità, cercava solitudine e riflessione, viveva a stretto contatto con la roccia, con Madre Natura e con i suoi elementi.

Ritorno per lo stesso sentiero e visita al museo delle arti e tradizioni popolari di Villalago.
Varie sale a tema portano il visitatore a viaggiare indietro nel tempo. Ogni sala affronta un tipo di attrezzo diverso: attrezzi agricoli, dei pastori, dei pescatori, per la preparazione del formaggio, della cardatura e tessitura della lana, usati dai nonni ed avi degli abitanti di Villalago, oggi scomparsi dall’uso quotidiano.

 



A fine escursione possibilità di pranzo montanaro in ristorante di Villalago (menù € 18, primo, secondo, contorno e bevande). Per il pranzo è richiesto un numero minimo di 13 persone.



L’escursione verrà guidata da un Accompagnatore di Media Montagna e Maestro di Escursionismo iscritto al Collegio Regionale delle Guide Alpine Abruzzo che, oltre a portarvi nel punto prestabilito con la massima professionalità ed esperienza, vi darà informazioni utili, illustrando flora, fauna e geologia del territorio, senza tralasciare le tradizioni, le leggende e la cultura.

Il programma potrà subire variazioni in base alle condizioni meteo e sarà annullato se non si raggiungerà il numero minimo di partecipanti.
Obbligatoria la prenotazione entro le 18.00 del giorno prima.

Min 6 – Max 20 partecipanti



Costi dell’escursione guidata:
€ 15 a persona, comprensivo di escursione guidata a cura di un Accompagnatore di Media Montagna/ Maestro di Escursionismo del Collegio Regionale Guide Alpine Abruzzo e copertura assicurativa per tutta la durata dell’evento.



Il modo migliore per tenere sempre sotto controllo la propria temperatura corporea è probabilmente quello di vestirsi a strati: uno strato primario per regolare la traspirazione, uno strato intermedio capace di mantenere la temperatura corporea costante ed uno strato superiore per proteggersi dagli agenti esterni



Materiale ed Equipaggiamento:
Zaino da montagna, scarpe da trekking, bastoncini telescopici (facoltativi), maglietta, pile o maglione, guanti, cappello, giacca a vento impermeabile, maglietta di ricambio, pantaloni, medicinali personali, borraccia per l’acqua (1,5 lt), sali minerali, frutta secca.



Info e prenotazioni:
Ercole Marchionni
Accompagnatore di Media Montagna
3382717448, info@montagneselvagge.com



Montagne Selvagge – escursioni guidate nelle selvagge bellezze d’Abruzzo.
Per essere aggiornati su tutte le nostre attività potete iscrivervi alla newsletter diwww.montagneselvagge.com, inserendo la vostra email e i vostri dati nell’apposita sezione. Oppure inviaci un messaggio tramite whatsapp al numero 3382717448 e riceverete individualmente i nostri aggiornamenti.

Leggi Tutto

Iscriviti alla newsletter di Montagne Selvagge e verrai aggiornato su tutte le nostre attività