Posts Tagged "escursioni in abruzzo"


5, 6, 7 luglio 2019

Via dei Marsi – Selvagge Perfezioni

 

Trekking di 40 km, in tenda e sacco a pelo, sul sentiero degli antichi padri.

A contatto con la natura selvaggia dell’Abruzzo, tra storia, boschi sacri, vette, panorami mozzafiato, animali selvatici, pernotti in tenda, stelle da ammirare e il silenzio.

Per tutto il cammino potrai respirare l’antica essenza che Madre Natura custodisce nel suo cuore!

Trekking della durata di tre giorni nel cuore dei territori che furono dell’antico popolo dei guerrieri marsi, un’area di grande valore naturalistico, storico e culturale che permetterà ai partecipanti di scoprire un volto unico e spesso nascosto dell’Abruzzo.

Il trekking segue le orme del popolo degli antichi Marsi, guerrieri tra i più valorosi dell’Italia pre-romana, stregoni ed esperti di erbe mediche, presenti nel territorio fin dal V secolo a.C.

Da Lucus Angitiae a Pescasseroli, nel cuore del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise

 

Il percorso della Via dei Marsi (Spina Verde), esistente nella preistoria, era una delle via delle antiche popolazioni italiche dell’Italia centrale che, per esempio, utilizzavano per raggiungere i luoghi dove far svernare le proprie mandrie e bestiame. Una parte dello stesso sentiero veniva utilizzato dal popolo fucense per portare il pescato del Lago del Fucino e le famose anatre a Roma, sul mercato di Piazza della Rotonda (oggi Pantheon), luogo obbligato di dogana della selvaggina. Sicuramente il tragitto da Pescasseroli alla Marsica, via Bisegna o via Villavallelonga, rappresenta uno degli ultimi itinerari storici abbastanza intatti.


Programma/scheda tecnica

 

Venerdì 5 luglio

Raduno ore 7:00, Avezzano (Aq) – uscita autostradale

I Tappa

Parco S.Leonardo , Strada dei Cento Pozzi, Grotta d’Orlando, Monte Alto, Serra Lunga, prati di S.Elia

Distanza 14 km ca

Dislivello complessivo positivo: m 1000 ca

Durata totale: 8 ore circa


II Tappa

Sabato 6 luglio

Sveglia ore 7:00

Partenza ore 8:00

Prati di Sant’Elia, Serra Lunga, Rifugio Coppo dell’Orso, Fonte Astuni

Distanza: 11 km ca

Dislivello complessivo positivo: 550 m ca

Durata totale : 7 ore ca


III Tappa

Domenica 7 luglio

Sveglia ore 7:00

Partenza ore 8:00

Fonte Astuni, Prati d’Angro, Fonte Aceretta, Valico Aceretta, V.ne Peschio di Iorio, Pescasseroli.

Distanza: 13 km ca

Dislivello complessivo positivo: 600 m ca

Durata totale: 7 ore ca


MATERIALE E EQUIPAGGIAMENTO

Zaino 60/70 lt, tenda, sacco a pelo, scarpe da montagna a caviglia alta, copri zaino per pioggia, sacco a pelo, materassino, bastoncini telescopici, maglietta, pile, micro pile, giacca a vento impermeabile, pantaloni comodi per la camminata, sovra pantaloni per pioggia, cappello e guanti, ricambi (calze, mutande, maglie), una tuta per la notte, crema solare, crema idratante, kit pronto soccorso, medicinali personali, antizanzare, occhiali da sole, berretto per protezione raggi UV, sapone bio, asciugamano piccolo, dentifricio, carta igienica, spazzolino, accendino, macchina fotografica, fornellino a gas, coltello multiuso, torcia elettrica frontale, 1 bicchiere leggero, 1 padellino in alluminio, cucchiaio, forchetta, coltellino da campo, sacchetti di nylon, bottiglie per l’acqua.

 

CIBO

Buste di pasta, riso o minestrone liofilizzate, zucchero in bustine, pane a lunga conservazione, marmellata, biscotti, frutta secca, frutta disidratata, barrette di cereali e/o ipercaloriche, reintegratori salini da sciogliere, tè in bustina.

 

BEVANDE

Acqua (2 lt)

 

 


Costi dell’intero trekking:

€ 95 a persona, comprensivo di escursione guidata a cura di un Accompagnatore di Media Montagna/ Maestro di Escursionismo del Collegio Regionale Guide Alpine Abruzzo e copertura assicurativa per tutta la durata dell’evento.

Gli spostamenti avvengono con mezzi propri o tramite bus con prezzo da concordare in base al numero dei partecipanti.

Il programma potrà subire variazioni in base alle condizioni meteo e sarà annullato se non si raggiungerà il numero minimo di partecipanti.

Obbligatoria la prenotazione entro lunedi 22 maggio

La guida si riserva di escludere le persone che non hanno un equipaggiamento adeguato ed è richiesta un buona preparazione fisica.

Min 5 – Max 10 partecipanti

Info e prenotazioni:

3382717448

info@montagneselvagge.com

www.montagneselvagge.com



Per essere aggiornati su tutte le nostre attività potete iscrivervi alla newsletter di www.montagneselvagge.com, inserendo la vostra email e i vostri dati nell’apposita sezione. Oppure inviaci un messaggio tramite whatsapp al numero 3382717448 e riceverete individualmente i nostri aggiornamenti.


Leggi Tutto

Sabato 11 e domenica 12 maggio

Workshop di fotografia naturalistica nel Parco Naturale Regionale Sirente Velino, alle pendici del Monte Velino e del Monte Cafornia, organizzato da Montagne Selvagge in collaborazione con il fotografo Luigi Tassi.

L’accompagnamento sarà a cura di un Accompagnatore di Media Montagna/ Maestro di Escursionismo del Collegio Regionale Guide Alpine Abruzzo.


Obiettivi:

Le escursioni saranno mirate alla realizzazione di immagini naturalistiche cariche di bellezza, magia ed emozioni, e alla conoscenza e utilizzo dell’attrezzatura fotografica posseduta.

Insegnamento delle nozioni fondamentali per realizzare delle buone fotografie come: principi per una corretta esposizione; la messa a fuoco; l´uso del cavalletto; la scelta degli obiettivi; la composizioni dell’immagine; lo sviluppo dei files.

 


 

Programma

Ritrovo: sabato 11 maggio ore 10.00 presso il Rifugio Casale da Monte, nel paese di Forme(Aq)

Presentazione programma, introduzione degli obiettivi del workshop, dalla fauna che andremo ad incontrare e dell’ambiente in cui ci muoveremo

Inizio escursione, pranzo al sacco e rientro in rifugio per le 17.00

Visione e analisi delle foto scattate

Cena e pernotto presso il Rifugio Casale da Monte

Domenica 12 maggio

Sveglia ore 7:00, colazione, obiettivi della giornata e inizio attività ore 8.30

Inizio escursione e seconda parte del workshop con termine attività ore 15.00

Visione e analisi delle foto scattate

Difficoltà escursioni:

Difficoltà medio/facile, su sentieri scelti appositamente in base alle esigenze del workshop fotografico.

 


Attrezzatura consigliata:

Mirrorless o Reflex con ottiche dal 28mm al 200mm (equivalente in caso di APS-C); ok anche le Bridge con la possibilità di regolare tempi e diaframmi. Un treppiede e un filtro polarizzatore completano l’equipaggiamento di base.

Info per la parte fotografica:

Possono sembrare raccomandazioni banali ma:

Ricordate di portare i carica-batterie, mettete nella borsa almeno due schede SD, portate l’occorrente per pulire lenti e sensore

Ad ogni partecipante svilupperemo con LigthRoom due files con la spiegazione delle correzioni

(Invio con WeTrasfer entro la settimana successiva al WS)


Costi:

Il costo per l’intero workshop sopra descritto è di € 150 a persona

Cosa comprende:

Affiancamento sul campo da parte del docente fotografo

Analisi foto realizzate e post produzione di alcune di esse

Accompagnamento in escursione da parte di una guida iscritta al Collegio Regionale Guide Alpine Abruzzo

Copertura assicurativa (RCT Professionale).

Il costo per il Rifugio Casale da Monte è di € 55

Cosa comprende:

Pernotto in camerata con letti a castello, cena del sabato (tagliere, primo, secondo, contorno, vino e acqua), colazione e pranzo al sacco per la domenica.

Il modo migliore per tenere sempre sotto controllo la propria temperatura corporea è probabilmente quello di vestirsi a strati: uno strato primario per regolare la traspirazione, uno strato intermedio capace di mantenere la temperatura corporea costante ed uno strato superiore per proteggersi dagli agenti esterni


Materiale ed Equipaggiamento:

Zaino da montagna, scarpe da trekking, bastoncini telescopici (facoltativi), maglietta, pile o maglione, giacca a vento impermeabile, pantaloni, maglietta di ricambio, guanti, cappello, medicinali personali, borraccia per l’acqua (1,5 lt), pranzo al sacco per il sabato, coperte o sacco a pelo per il pernotto in rifugio.

Il programma potrà subire variazioni in base alle condizioni meteo e sarà annullato se non si raggiungerà il numero minimo di partecipanti.

Obbligatoria la prenotazione entro il 7 maggio

Min 6 – Max 10 partecipanti


Info e prenotazioni:

3382717448, info@montagneselvagge.com


Iscriviti alla newsletter di www.montagneselvagge.com, inserendo la vostra mail e i vostri dati nell’apposita sezione. Oppure inviaci un msg tramite WhatsApp al numero 3382717448 con il vostro nome e verrete aggiornati su tutte le nostre attività.

 

Leggi Tutto

Montagne Selvagge organizza:

”Trekking di Pasqua in Abruzzo: tra briganti, vette, boschi, laghi, storia e arte”

21, 22, 23, 24, 25 aprile 2019

 

Henry David Thoreau disse che “la salvezza del mondo è nella natura selvaggia“, ancor di più in un’epoca come questa, dove le moderne abitudini ci deviano dalla semplicità di cui abbiamo bisogno per stare bene veramente: vita all’aria aperta, camminare e tornare alla natura.

Due, tre, quattro o cinque giorni di trekking nelle selvagge emozioni di Madre Natura: tra vette, laghi di montagna, boschi secolari, animali selvatici, storia, arte, cultura, leggende, tradizioni e briganti… puoi scegliere quanti giorni fare ed immergerti nell’avventura.

Per conoscere la bellezza della vita all’aria aperta e le antiche storie dei popoli Marsi. Faremo escursioni nel bosco per vivere la sua magia, la sua tranquillità e il suo silenzio.

Osserveremo il volo del grifone alle pendici del Monte Velino, seguiremo le tracce degli animali selvatici, ed impareremo a riconoscerle, così come la flora più rappresentativa del posto. Osserveremo con binocoli professionali la fauna selvatica dalla giusta distanza, osservando i suoi comportamenti naturali. Gusteremo i magnifici panorami che dalle altezze creano indimenticabili emozioni.

La ricchezza del Parco Regionale Sirente Velino e delle Montagne della Duchessa non sono solo nella loro natura, ma anche nel loro prezioso patrimonio di storia, cultura e tradizioni, ereditato da un passato che ha contribuito a definire l’identità di questo territorio e della sua comunità e i cui segni sono ancora oggi ben conservati ed apprezzabili.

Possibilità di partecipare anche alla singola escursione


Programma:

Domenica 21 aprile 2019

Arrivo a Tagliacozzo ore 10.00, sistemazione in Albergo, presentazione del programma.

Ore 11.00 – spostamento con i mezzi propri, inizio escursione lungo il Cammino dei Briganti da Rosciolo dei Marsi a Cartore con visita guidata alla Chiesa di Santa Maria in Valle Porclaneta.

Ore 13.30 – Pranzo al sacco

Ore 20.00 – Cena con prodotti tipici della cucina locale presso l’Albergo Ristorante Marina di Tagliacozzo (Aq)

Spostamento da e per Tagliacozzo con i mezzi propri.

La Marsica e il Cicolano sono terre di boschi, montagne e storie di briganti. In particolare il territorio attraversato da questo cammino è un territorio di confine, oggi tra Abruzzo e Lazio, ieri tra Stato Pontificio e Regno Borbonico. I briganti vivevano sul confine per passare da una parte all’altra a seconda della minaccia.

Queste antiche vie di comunicazione narrano anni ed anni di vite e di storie.

Oggi questi sentieri vengono ricordati per la figura del brigante, che trovava rifugio negli anfratti più nascosti di queste montagne.

Nel settembre del 1964 venne in questi luoghi anche Walter Bonatti, alpinista di fama mondiale. Egli venne in visita a Sant’Anatolia, dal caro amico e collega Gigi Panei, uno dei migliori alpinisti dell’epoca, nato appunto a Sant’Anatolia.

A termine escursione visita alla chiesa di Santa Maria in Valle Porclaneta

  • Dislivello andata: 250 m ca
  • Dislivello ritorno: 300 m ca
  • Dislivello complessivo positivo: 550 ma ca
  • Durata: 6 ore ca (soste incluse)
  • Difficoltà: E
  • Lunghezza a/r: 11 km ca

Lunedi 22 aprile 2019 (Pasquetta)

Possibilità di scegliere due tipologie di escursioni guidate

Escursione al Lago della Duchessa, in una terra incantata e dai toni magici

Riserva Naturale Regionale Montagne della Duchessa

Ore 8.30 – Spostamento con i mezzi propri, Inizio escursione presso il Borgo di Cartore

Ore 13.00 – Pranzo al sacco

Ore 20.00 – Cena con prodotti tipici della cucina locale presso l’Albergo Ristorante Marina di Tagliacozzo (Aq)

Il Lago della Duchessa, posto a 1788 m in una conca glaciale sovrastata da imponenti cime come Murolungo 2184 m e Monte Morrone 2141, è uno dei laghi più alti dell’Appennino centrale.

Terra incantata dai toni magici, fu in grado di far maturare, nei secoli, storie e leggende che per lungo tempo ne conservarono il fascino.

  • Dislivello: 850 m ca
  • Durata totale: 7 ore ca (soste incluse)
  • Lunghezza: 8,5 km a/r
  • Difficoltà: E

Spostamento da e per Tagliacozzo con i mezzi propri


Lunedi 22 aprile 2019 (Pasquetta)

Tra arte, storia e natura.

Trekking urbano alla scoperta di Tagliacozzo.

Trekking urbano a Tagliacozzo, alla scoperta della sua pineta, delle risorgenti del fiume Imele, delle cinque porte che lo rendevano inespugnabile e del castello.

Ora di ritrovo: 9.00

Luogo di ritrovo: Largo del popolo a Tagliacozzo (Aq)

Tipo di percorso: acciottolato, sentieri e sterrate.

  • Difficoltà:E
  • Durata del percorso: 7 ore circa
  • Lunghezza a/r: 8 km ca
  • Dislivello complessivo positivo: 300 m ca

Valenze del percorso: storiche, artistiche, naturalistiche e geomorfologiche.

Osserveremo anche le rocce calcaree con i fossili, le grotte, gli scoiattoli e il misterioso “occhio del bosco”.

Tagliacozzo, come tanti paesi della Marsica, è stato attraversato da molti viaggiatori del Gran Tour che hanno lasciato testimonianza, con dipinti o con scritti, del fascino che queste terre suscitavano.

E noi durante il nostro trekking urbano andremo alla ricerca di questo panorama dipinto da uno di loro!

Ci troveremo davanti la fontana di Largo del Popolo, dove un tempo si abbeveravano gli animali.

Da qui, attraverso “porta da Piedi”, una delle cinque porte del centro storico, percorreremo caratteristiche viuzze affacciandoci di qua e di là su angoli suggestivi salendo verso il paese vecchio.

Ascolteremo il lento fluire del fiume Imele, ci inoltreremo nella pineta e poi fin su monte la Difesa a dominare Tagliacozzo dal belvedere della Croce.

Ore 13.00 – Pranzo al sacco

Ore 20.00 – Cena con prodotti tipici della cucina locale presso l’Albergo Ristorante Marina di Tagliacozzo (Aq)

Spostamento da e per Tagliacozzo con i mezzi propri


Martedì 23 aprile 2019

Escursione guidata alla Grotta di San Benedetto, osservazione del volo del grifone.

Ore 9.00 – Spostamento con i mezzi propri, inizio escursione presso il paese di Massa d’Albe (Aq)

Ore 13.00 – Pranzo al sacco

Ore 20.00 – Cena con prodotti tipici della cucina locale presso l’Albergo Ristorante Marina di Tagliacozzo (Aq)

Avremo la possibilità di osservare il maestoso volo del Gyps Fulvus, ovvero il grifone, l’avvoltoio del vecchio mondo, che con i suoi 2,80 m circa di apertura alare ci regalerà grandi emozioni… ma non solo lui! Tutto il percorso sarà emozionante, dalla partenza all’arrivo, dove godremo di panorami indimenticabili.

Le rocce ai piedi del Canalone e della Crest Sud su ovest del Velino ospitano la Grotta di San Benedetto divisa in due ambienti, e che si apre in una parete verticale a 1610 m.

Il sito è meta di pellegrinaggio per la gente dei paesi vicini, che da questa grotta ammirano spettacolari panorami sulla piana del Fucino

  • Dislivello: 550 m ca
  • Durata a/r: 5 ore
  • Difficoltà: E
  • Lunghezza a/r: 9 km

Spostamento da e per Tagliacozzo con i mezzi propri


Mercoledì 24 aprile 2019

Riserva Naturale Regionale “Grotte di Luppa”

Escursione guidata da Sante Marie all’inghiottitoio di Luppa.

Tra boschi, grotte, massi erratici, fonti, misteri e antichi tesori.

Ore 9.00 – Spostamento con i mezzi propri, inizio escursione presso il paese di Sante Marie  (Aq)

Ore 13.00 – Pranzo al sacco

Ore 20.00 – Cena con prodotti tipici della cucina locale presso l’Albergo Ristorante Marina di Tagliacozzo (Aq)

Percorreremo i sentieri L1 e i sentieri L5 da Fonte Lattero a Fonte La Rocca, in un sentiero molto suggestivo che si immerge in un fitto bosco di faggio. Attraverso il sentiero L6 giungeremo nella misteriosa Grotta del Tesoro, qui leggeremo il racconto del tesoro di Corradino di Svevia, che una leggenda vuole proprio nascosto in questa grotta.

Di nuovo per il sentiero L1 fino ad arrivare all’inghiottitoio di Luppa, fiore all’occhiello della Riserva, che suscita da sempre molto interesse nel mondo speleologico.

A fine escursione ritorno a Sante Marie per visita guidata al museo del brigantaggio e dell’Unita d’Italia.

Fonte Lattero, Fonte della Rocca, Grotta del Tesoro, Grotta di Luppa.

  • Dislivello: 350 m ca
  • Durata: 5 ore
  • Difficoltà: E
  • Lunghezza: 7 km ca  

Giovedì 25 aprile 2019

Escursione guidata da Marsia a Camporotondo

Ore 9.00 – Spostamento con i mezzi propri, inizio escursione presso il paese di Marzia

Ore 13.00 – Pranzo al sacco

Esploreremo e conosceremo una piccola parte della faggeta più grande d’Europa. Scopriremo Morbano.

Fu un tempo centro equo di notevole importanza. Situato in superba posizione strategica, Morbano, l’antico Marrumpanum, poteva agevolmente raggiungere e penetrare i territori dei Latini, dei Volsci, degli Ernici e dei Marsi, ed essere un prezioso avamposto degli Equi ad oriente.

Giungeremo a Camporotondo, una località montana a 1460 m s.l.m. situata ai limiti del Parco naturale dei Monti Simbruini, a confine tra il Lazio e l’Abruzzo, nel Comune di Cappadocia.

La vallata è contornata dai monti Monna Rosa e Camiciola, ed appena fuori dal centro abitato ci si immerge in un’oasi di verde e silenzio.

Una giornata intensa di meraviglie ed emozioni

 

  • Lunghezza: 17 km ca
  • Dislivello complessivo positivo: 550 m
  • Difficoltà: EE

Le escursioni verranno guidate da un Accompagnatore di Media Montagna e Maestro di Escursionismo iscritto al Collegio Regionale delle Guide Alpine Abruzzo che, oltre a portarvi nel punto prestabilito con la massima professionalità ed esperienza, vi darà informazioni utili, illustrando flora, fauna e geologia del territorio, senza tralasciare le tradizioni, le leggende e la cultura.

Il programma potrà subire variazioni in base alle condizioni meteo e sarà annullato se non si raggiungerà il numero minimo di partecipanti.

Min 6 – Max 20 partecipanti


Il modo migliore per tenere sempre sotto controllo la propria temperatura corporea è probabilmente quello di vestirsi a strati: uno strato primario per regolare la traspirazione, uno strato intermedio capace di mantenere la temperatura corporea costante ed uno strato superiore per proteggersi dagli agenti esterni


Materiale ed Equipaggiamento:

Zaino da montagna, scarpe da trekking, bastoncini telescopici (facoltativi), maglietta, pile o maglione, guanti, cappello, giacca a vento impermeabile, maglietta di ricambio, pantaloni, medicinali personali, borraccia per l’acqua (1,5 lt), sali minerali, frutta secca.


Quota di partecipazione:

Escursioni guidate, segreteria, assicurazione (Rct professionale)

5 escursioni € 100, 4 escursione € 80, 3 escursioni € 60, 2 escursioni € 40, 1 escursione € 20

Costo pensione completa (pranzo al sacco):

Pernotti, cene, prime colazioni, pranzi al sacco.

Sistemazione in camere singole (con supplemento), doppie, matrimoniali e triple presso l’Albergo Ristorante Marina di Tagliacozzo (Aq), da pagare il momento dell’arrivo all’albergo.

4 notti € 200, 3 notti € 150, 2 notti € 100, 1 notte € 50

Obbligatoria la prenotazioni entro il 15 aprile 2019

Note sulle quote: Per definire la prenotazione è necessario versare un acconto pari al 30% della quota totale tramite iban, richiedere informazioni via telefono al numero 3382717448 oppure tramite mail info@montagneselvagge.com
L’acconto verrà perso in caso di disdetta non comunicata almeno 10 giorni prima dell’evento


Info e prenotazioni:

3382717448, info@montagneselvagge.com

www.montagneselvagge.com


Iscriviti alla newsletter di www.montagneselvagge.com, inserendo la vostra mail e i vostri dati nell’apposita sezione. Oppure inviaci un msg tramite WhatsApp al numero 3382717448 con il vostro nome e verrete aggiornati su tutte le nostre attività.

Leggi Tutto

Ho scelto di andare in montagna perché è nella Natura selvaggia la salvezza del mondo.

Ed è proprio per Lei che vorrei lasciare a mio figlio un mondo migliore di come l’ho trovato.

Si dice che gli animali siano troppi:

i lupi sono troppi e bisogna ucciderli;

i cervi sono troppi e bisogna ucciderli;

gli uccelli, che col loro magnifico canto ci incantano, sono troppi e bisogna ucciderli; gli alberi che ci danno vita sono troppi, bisogna tagliarli.

Ma – paradossalmente – i centri commerciali sono pochi e bisogna costruirne sempre piú.

Benvenuti nel mondo dell’uguale, del consumismo sfrenato.

Il semplice camminare, anche per poche ore nei boschi e nelle valli, può salvare da abitudini che finiscono per portar via la nostra libertà.

Sono fortunato ad aver conosciuto in tempo la montagna e la ringrazio per avermi liberato dalla desertificazione dello spirito del pensiero moderno.

Leggi Tutto

Ventiquattro marzo duemiladiciannove

Escursione guidata all’Eremo di Santa Maria del Cauto

 

Questa domenica siamo stati in cammino nella Riserva naturale guidata Zompo lo Schioppo, tra cascate spettacolari, sorgenti, grotti, boschi, leggende, misteri, silenzi e spiritualità.

Abbiamo percorso il panoramico sentiero de “Le scalelle”, giungendo al Fosso dei Briganti e al Buco del Cauto.

Abbiamo visitato l’antico Eremo di Cauto, della cui esistenza si hanno notizie fin dal XII secolo. Immerso nel folto bosco di faggio, rifugio, dal medioevo in poi, di uomini che vollero allontanarsi dal mondo per dedicarsi alla ricerca di Dio. Fu abitato dai monaci benedettini dalla prima metà del XII secolo e passò nel 1181 ai cistercensi dell’abbazia di Casamari. All’interno conserva affreschi della vita di Santa Caterina di Alessandria.

Leggi Tutto

Iscriviti alla newsletter di Montagne Selvagge e verrai aggiornato su tutte le nostre attività



Proseguendo la navigazione di questo sito accetti l'utilizzo dei cookies e l'intera privacy policy della quale puoi prendere lettura