post

Escursione guidata in Valle Majelama e pranzo in Rifugio di montagna

 

IMG_0537 IMG_0687

Domenica 17 settembre
Parco Naturale Regionale Sirente Velino

Escursione guidata nella Valle Majelama e pranzo al Rifugio Casale da Monte

Dove dimoravano antichi ghiacciai, osservati dal volo maestoso del grifone

Dislivello: 500 m ca
Durata a/r: 4,5 ore ca

Lunghezza a/r: 8 km
Difficoltà: E

Appuntamento e partenza ore 8.30 al Rifugio Casale da Monte, nel comune di Massa d’Albe, in località Forme.

L’ampia e solenne Valle Majelama è una delle valli appenniniche create dall’azione degli antichi ghiacciai. Stretto tra la Costa della Sentina e il crestone est del Cafornia, la valle piega a sinistra e dopo 4 km ca prende il nome di Valle del Bicchero. La valle è chiusa dal 15 febbraio al 15 agosto per rendere più tranquilla la nidificazione di una coppia di aquile.

Il programma potrà subire variazioni in base alle condizioni meteo e sarà annullato se non si raggiungerà il numero minimo di partecipanti.
Obbligatoria la prenotazione entro le 12 del giorno prima per chi voglia partecipare alla sola escursione.

La guida si riserva di escludere le persone che non hanno un equipaggiamento adeguato.

Min 5 – Max 15 partecipanti per l’escursione.

Costi del trekking:
€ 15 a persona, comprensivo di escursione guidata a cura di un Accompagnatore di Media Montagna/ Maestro di Escursionismo del Collegio Regionale Guide Alpine Abruzzo e copertura assicurativa per tutta la durata dell’evento.

Pranzo in Rifugio da € 15 a € 22, solo su prenotazione.

Materiale ed Equipaggiamento:
Zaino da montagna, scarpe da trekking, bastoncini telescopici, maglietta, pile o maglione, giacca a vento impermeabile, pantaloni comodi per la camminata, maglietta di ricambio, cappello, guanti, crema solare, medicinali personali, antizanzare, occhiali da sole, berretto per protezione raggi UV, sacchetti biodegradabili per immondizia, borraccia per l’acqua (2 lt), sali minerali, frutta secca, frutta, barrette energetiche.
Info e prenotazioni:
Ercole Marchionni 3382717448
info@montagneselvagge.com

Valle Majelama

Valle Majelama

post

Escursione astronomica dal Rifugio Casale da Monte

Escursione astronomica dal Rifugio Casale da Monte

Escursione astronomica alle pendici del Monte Velino

DSC_6139

15 settembre 2017
Escursione astronomica guidata notturna!
___________________________________
Impariamo ad osservare le stelle!!
Dal Rifugio Casale da Monte nel Parco Naturale Regionale Sirente Velino
Alle pendici del Monte Velino e del Monte Cafornia

Facile escursione notturna per conoscere le stelle e i loro segreti. Osservazione astronomica con telescopio professionale.
A cura dell’astrofilo Franco Salvati.

Escursione Notturna
Dal Rifugio Casale da Monte andremo in escursione notturna per circa 2,5 ore con l’ausilio di una lampada frontale, immersi nell’immensità della notte e sotto un bellissimo cielo stellato.
Durante la camminata si daranno informazioni utili sulle stelle e le costellazioni, vi si aprirà un mondo nuovo e scoprirete la magia del cielo di notte. Le escursioni in notturna sono un’occasione eccezionale per immergersi in un’atmosfera meravigliosa e per lasciarsi sedurre dalla natura che ci dona la magia del suo volto più intimo e nascosto.
Ritorno al Rifugio e osservazione astronomica del cielo attraverso l’ausilio di un telescopio professionale
_____________________________
Dislivello positivo: 100 m ca
Durata escursione notturna: 4 ore ca ( soste incluse ed osservazione con telescopio)
Difficoltà: T ( facile)
Lunghezza a/r: 3 km ca
_____________________________

Appuntamento e partenza: ore 21:30 presso il Rifugio Casale da Monte, nel comune di Massa d’Albe (Aq)

Il programma potrà subire variazioni in base alle condizioni meteo e sarà annullato se non si raggiungerà il numero minimo di partecipanti.
Obbligatoria la prenotazione entro le 12,00 del giorno prima.
La guida si riserva di escludere le persone che non hanno un equipaggiamento adeguato.

Min. 5 – Max. 20 partecipanti
_________________________
Costi per adulti:
€ 15 a persona, comprensivo di escursione guidata a cura di un Accompagnatore di Media Montagna/ Maestro di Escursionismo del Collegio Regionale Guide Alpine Abruzzo e copertura assicurativa per tutta la durata dell’evento ( RC Professionale).
_____________________________

Possibilità di cena al Rifugio Casale da Monte
€ 20 – tagliere, primo, secondo e bevande
€ 10 – tagliere, bruschetta, vino.

Escursione astronomica notturna guidata
Materiale ed Equipaggiamento:
Zaino da montagna, scarpe da trekking, lampada frontale, bastoncini telescopici (facoltativi), maglietta, pile o maglione, giacca a vento impermeabile, pantaloni comodi per la camminata, cappello, guanti, medicinali personali, borraccia per l’acqua (1,5 lt), sali minerali, frutta secca.

Info e prenotazioni:
Ercole Marchionni 3382717448
info@montagneselvagge.com
www.montagneselvagge.com

_____________________________

copertina
Per essere aggiornati su tutte le nostre attività potete iscrivervi alla newsletter di www.montagneselvagge.com, inserendo la vostra email e i vostri dati nell’apposita sezione. Oppure inviaci un messaggio tramite whatsapp al numero 3382717448 e riceverete individualmente i nostri aggiornamenti.

post

Escursione astronomica dal Rifugio Casale da Monte

DSC_6139

16 agosto 2017
Escursione astronomica guidata notturna!
___________________________________
Impariamo ad osservare le stelle!!
Dal Rifugio Casale da Monte nel Parco Naturale Regionale Sirente Velino
Alle pendici del Monte Velino e del Monte Cafornia

Facile escursione notturna per conoscere le stelle e i loro segreti. Osservazione astronomica con telescopio professionale.
A cura dell’astrofilo Franco Salvati.

Escursione Notturna
Dal Rifugio Casale da Monte andremo in escursione notturna per circa 2,5 ore con l’ausilio di una lampada frontale, immersi nell’immensità della notte e sotto un bellissimo cielo stellato.
Durante la camminata si daranno informazioni utili sulle stelle e le costellazioni, vi si aprirà un mondo nuovo e scoprirete la magia del cielo di notte. Le escursioni in notturna sono un’occasione eccezionale per immergersi in un’atmosfera meravigliosa e per lasciarsi sedurre dalla natura che ci dona la magia del suo volto più intimo e nascosto.
Ritorno al Rifugio e osservazione astronomica del cielo attraverso l’ausilio di un telescopio professionale
_____________________________
Dislivello positivo: 100 m ca
Durata escursione notturna: 4 ore ca ( soste incluse ed osservazione con telescopio)
Difficoltà: T ( facile)
Lunghezza a/r: 3 km ca
_____________________________

 

Appuntamento e partenza: ore 21:30 presso il Rifugio Casale da Monte, nel comune di Massa d’Albe (Aq)

Il programma potrà subire variazioni in base alle condizioni meteo e sarà annullato se non si raggiungerà il numero minimo di partecipanti.
Obbligatoria la prenotazione entro le 12,00 del giorno prima.
La guida si riserva di escludere le persone che non hanno un equipaggiamento adeguato.

Min. 5 – Max. 20 partecipanti
_________________________
Costi per adulti:
€ 15 a persona, comprensivo di escursione guidata a cura di un Accompagnatore di Media Montagna/ Maestro di Escursionismo del Collegio Regionale Guide Alpine Abruzzo e copertura assicurativa per tutta la durata dell’evento ( RC Professionale).
_____________________________

Possibilità di cena al Rifugio Casale da Monte
€ 20 – tagliere, primo, secondo e bevande
€ 10 – tagliere, bruschetta, vino.

Escursione astronomica notturna guidata
Materiale ed Equipaggiamento:
Zaino da montagna, scarpe da trekking, lampada frontale, bastoncini telescopici (facoltativi), maglietta, pile o maglione, giacca a vento impermeabile, pantaloni comodi per la camminata, cappello, guanti, medicinali personali, borraccia per l’acqua (1,5 lt), sali minerali, frutta secca.

Info e prenotazioni:
Ercole Marchionni 3382717448
info@montagneselvagge.com
www.montagneselvagge.com

_____________________________

copertina
Per essere aggiornati su tutte le nostre attività potete iscrivervi alla newsletter di www.montagneselvagge.com, inserendo la vostra email e i vostri dati nell’apposita sezione. Oppure inviaci un messaggio tramite whatsapp al numero 3382717448 e riceverete individualmente i nostri aggiornamenti.

post

Alla scoperta del paese fantasma di Sperone

Sperone

 

Sperone

13 agosto 2017

Escursione guidata professionalmente!

Trekking tra paesi fantasma e vette!

In cammino tra paesi antichi e natura selvaggia. Con questo appuntamento vi porteremo a visitare il paese fantasma di Sperone e la vetta del Monte Serrone, alle porte dello storico Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise.

Bellissimo itinerario che percorre le antiche vie di comunicazione tra un paese e l’altro. Anticamente erano usate per gli spostamenti lavorativi o per incontrare la propria amata o il proprio amato.

Dislivello: 650 m
Durata: 5 ore ca ( soste incluse)
Difficoltà: E
Lunghezza a/r: 11  km ca

Appuntamento e partenza: ore 9,00 a Gioia dei Marsi – Piazza Savoia, vicino il benzinaio.
Dal paese di Gioia dei Marsi località Fontana Vecchia inizia il sentiero che porta alla torre di Sperone. Il sentiero è nominato V2, il tempo di percorrenza è di 1.30 h, con un livello di difficoltà E. Il sentiero inizia con una strada sterrata per poi deviare all’interno del boschetto. Molto belli sono i muretti tirati a secco che si incontrano lungo il cammino ed in giugno il colore dominante è il giallo delle ginestre ed il loro profumo.
Usciti dal boschetto si apre la radura dalla quale è possibile osservare la Torre . Proseguendo lungo la radura s’incontra prima il vecchio borgo di Sperone poi la chiesa di S. Nicola e infine la Torre che si affaccia su di un impervio vallone e sul Fucino. Volendo si può proseguire fino a raggiungere la vetta del monte Serrone dove c’è un piccolo rifugio. Il Serrone è noto per lo sport del parapendio e da un punto di vista geologico, per la faglia generatasi con il devastante terremoto del 1915.

Balcone naturale della Marsica, sentinella silenziosa e strategica sin dall’epoca della prima fortificazione romana, del paese di Sperone non restano oggi che mura, tetti e stanze senza arredi in attesa di nuovi segni del tempo, testimoni muti di una storia che in pochi ricorderanno. Abbandonata definitivamente dopo gli anni settanta per via dell’impervio isolamento che nei secoli era stato la sua fortuna, subì la sorte di chi non riesce a correre al passo coi tempi, spegnendosi lentamente negli anni. Oggi la torre di un castello ormai scomparso domina l’impianto urbanistico di Gioia dei Marsi, dall’alto del Passo Sparnasio. Da lontano è la prima, tra le case che restano, ad indicare il vecchio borgo: guarda la valle da 8 secoli, ma da meno di uno non ha più generazioni che la ricordino come simbolo della propria città. Fu difficile per chi vi abitava abbandonare Sperone ed ogni pretesto fu lecito per rallentare quell’emorragia di giovani che parve irrefrenabile dal dopoguerra in poi.  I cittadini lottarono perché si migliorasse la viabilità, si garantissero servizi primari e si dicesse costantemente messa in paese fino all’ultimo. Persino quando tutto sembrò ormai irreversibile, cercarono di tornare al Borgo quanto più spesso possibile per attività rituali legate alla terra o al culto. Questa lotta contro il tempo durò oltre cinquant’anni e si concluse con l’ultimo amaro trasloco, quello delle salme di chi vi riposava da tempo, al cimitero, quando tutti i defunti vennero portati via per essere ricollocati anch’essi a valle, insieme ai vivi. Per chi torna oggi resta solo un campo di margherite al centro di un mazzo di case vuote: vogliamo credere che sia lo stesso dove, come narra la leggenda, trovarono pace i nemici del sanguinario signore che ebbe potere di vita e morte in questi luoghi, quando Sperone prosperava ed era la prima tra le vedette della marsica orientale.

Il programma potrà subire variazioni in base alle condizioni meteo e sarà annullato se non si raggiungerà il numero minimo di partecipanti.

Obbligatoria la prenotazione entro le 12,00 del giorno prima.
La guida si riserva di escludere le persone che non hanno un equipaggiamento adeguato.

Min 5 – Max 15 partecipanti

Costi del trekking:
€ 18 a persona, comprensivo di escursione guidata a cura di un Accompagnatore di Media Montagna/ Maestro di Escursionismo del Collegio Regionale Guide Alpine Abruzzo e copertura assicurativa per tutta la durata dell’evento.

Possibilità di pernotto in B&B

Materiale ed Equipaggiamento:
Zaino da montagna, scarpe da trekking, coprizaino per pioggia, bastoncini telescopici, maglietta, pile o maglione, giacca a vento impermeabile, pantaloni comodi per la camminata, maglietta di ricambio, cappello, guanti, medicinali personali, occhiali da sole, sacchetti biodegradabili per immondizia, borraccia per l’acqua (1,5 lt), sali minerali, frutta secca, pranzo al sacco.

Info e prenotazioni:
Ercole Marchionni 3382717448
info@montagneselvagge.com
www.montagneselvagge.com

Iscriviti alla newsletter di www.montagneselvagge.com, inserendo la vostra mail e i vostri dati nell’apposita sezione. Oppure inviaci un msg tramite WhatsApp al numero 3382717448 con il vostro nome e verrete aggiornati su tutte le nostre attività.

 

Sperone Sperone

 

Logo montano Ercole png

post

Programma escursionistico di agosto

Montagne Selvagge, programma di agosto

Montagne Selvagge

Escursioni guidate nelle selvagge bellezze d’Abruzzo

Programma escursionistico di agosto

“Se sei un uomo libero, allora sei pronto a metterti in cammino”

Leggi il nostro programma completo su:

http://www.montagneselvagge.com/events/


3, 4, 5, 6 agosto

Quattro giorni di trekking sul Cammino dei Briganti

75 km in quattro tappe.

Natura selvaggia, trekking, arte del camminare, orizzonti, libertà, all’aria aperta, tenda, sacco a pelo, sotto le stelle, racconti, teatro dei briganti, leggende, tradizioni, cultura… Vita!!


10 agosto

Escursione guidata sulle vetta del Monte Velino, il Signore del Lago

Parco Naturale Regionale Sirente Velino

Difficoltà: EE

Lunghezza a/r: 16 km

Durata: 10 ore



12 agosto

Sul Cammino dei Briganti da Rosciolo dei Marsi a Cartore

In collaborazione con l’Associazione “ Forum Ambiente e Cultura”

Parco Naturale Regionale Sirente Velino

Dislivello andata: 250 m ca

Dislivello ritorno: 300 m ca

Dislivello complessivo positivo: 550 ma ca

Durata: 6 ore ca ( soste incluse)

Difficoltà: E

Lunghezza a/r: 11 km ca

Santa Maria in Valle Porclaneta


13 agosto

Alla scoperta del paese fantasma di Sperone e della vetta del Monte Serrone

Dislivello: 650 m

Durata: 6 ore ca ( soste incluse)

Difficoltà: E

Lunghezza a/r: 11 km ca

Sperone


14 agosto

Escursione guidata alla Grotta di San Benedetto

Osservati dal volo del grifone

Da Casale da Monte alla Grotta di San Benedetto (1610 m)

Parco Naturale Regionale Sirente Velino

Dislivello: 550 m ca

Durata a/r: 5 ore

Difficoltà: E

Grotta di San Benedetto


16 agosto

Escursione guidata nella Valle Majelama

Parco Naturale Regionale Sirente Velino

Dove dimoravano antichi ghiacciai, osservati dal volo maestoso del grifone

Dislivello: 500 m ca

Durata a/r: 4,5 ore ca

Difficoltà: E

Grifoni


16 agosto

Escursione astronomica guidata notturna!

Impariamo ad osservare le stelle!!

Dal Rifugio Casale da Monte nel Parco Naturale Regionale Sirente Velino

Alle pendici del Monte Velino e del Monte Cafornia

Facile escursione notturna per conoscere le stelle e i loro segreti. Osservazione astronomica con telescopio professionale.

12303945_440111309514546_8665872057189915072_o



18 agosto

Riserva Naturale Regionale “Grotte di Luppa”

In collaborazione con il Comune di Sante Marie, la Riserva Naturale Regionale Grotte di Luppa e Ambiente e/è Vita

Escursione guidata da Sante Marie all’inghiottitoio di Luppa.

Tra boschi, grotte, massi erratici, fonti e misteri.

Fonte Lattero, Fonte della Rocca, Grotta del Tesoro, Grotta di Luppa.

Dislivello: 350 m ca

Durata a/r: 5 ore

Difficoltà: E

Lunghezza: 7 km ca

Grotta di Luppa


20 agosto

Alla scoperta della faggeta più antica d’Europa

Foresta Vetusta della Val Cervara, la faggeta più antica d’Europa

Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise

Dislivello: 600 m ca

Durata: 5 ore a/r

Difficoltà: E

Val Cervara


20 agosto

Escursione astronomica guidata notturna!

Impariamo ad osservare le stelle!!

Dal Rifugio Casale da Monte nel Parco Naturale Regionale Sirente Velino

Alle pendici del Monte Velino e del Monte Cafornia

Facile escursione notturna per conoscere le stelle e i loro segreti. Osservazione astronomica con telescopio professionale.

Escursione Notturna


21 agosto

Escursione astronomica guidata notturna!

Impariamo ad osservare le stelle!!

Dal Rifugio Casale da Monte nel Parco Naturale Regionale Sirente Velino

Alle pendici del Monte Velino e del Monte Cafornia

Facile escursione notturna per conoscere le stelle e i loro segreti. Osservazione astronomica con telescopio professionale.


23 agosto

Sulla Vetta del Re degli appennini, il Gran Sasso d’Italia

Escursione guidata sul Corno Grande – Vetta Occidentale (2912 m), dalla “ via normale”

Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga

Dislivello: 800 m ca

Durata: 7 ore ca ( soste incluse)

Difficoltà: EE

Gran Sasso d'Italia


25 agosto

Escursione astronomica guidata notturna!

Impariamo ad osservare le stelle!!

Sulla Via dei Marsi!

Riserva naturale guidata Monte Salviano

Facile escursione notturna per conoscere le stelle e i loro segreti. Osservazione astronomica con telescopio professionale.

Escursione astronomica alle pendici del Monte Velino


26 agosto

Sul Cammino dei Briganti da Rosciolo dei Marsi a Cartore

In collaborazione con l’Associazione “ Forum Ambiente e Cultura”

Parco Naturale Regionale Sirente Velino

Dislivello andata: 250 m ca

Dislivello ritorno: 300 m ca

Dislivello complessivo positivo: 550 ma ca

Durata: 6 ore ca ( soste incluse)

Difficoltà: E

Lunghezza a/r: 11 km ca

Santa Maria in Valle Porclaneta

Santa Maria in Valle Porclaneta


27 agosto

Tavole dei Briganti

Parco Nazionale della Majella

Percorreremo un sentiero piuttosto facile e che conduce alle Tavole dei Briganti: incisioni rozze sulla viva pietra della Majella, alla riscoperta della vita di pastori e briganti, cercando di capire assieme i confini fra storia e leggenda.

Lunghezza: 11 km circa

Durata: 5 ore

Difficoltà: E

Dislivello: 390 metri

Tavola-dei-Briganti-Tavola-dei-Briganti


Info e prenotazioni:

3382717448, info@montagneselvagge.com

Ercole Marchionni

Accompagnatore di Media Montagna/Maestro di Escursionismo

Collegio Guide Alpine Abruzzo


Per essere aggiornati su tutte le nostre attività potete iscrivervi alla newsletter di www.montagneselvagge.com, inserendo la vostra email e i vostri dati nell’apposita sezione. Oppure inviaci un messaggio tramite whatsapp al numero 3382717448 e riceverete individualmente i nostri aggiornamenti.

copertina

logo ACCOMPAGNATORE

Guide Alpine Abruzzo

post

Sulla vetta del Monte Velino, Il Signore del Lago

Sulla vetta del Monte Velino, il Signore del Lago

Monte Velino

Monte Velino

10 agosto 2017

Escursione guidata sulla vetta del Monte Velino, “il Signore del Lago”, come veniva chiamato dagli antichi, dominatore ed osservatore del Fucino da migliaia di anni.
Oggi il lago non esiste più perché prosciugato dal principe Torlonia a metà del XIX secolo, eppure il Velino è sempre lì, magnifico ed elegante. Pensate a quante generazioni ha visto crescere e morire, quante persone sono passate ai suoi piedi, quanta storia è trascorsa, dagli antichi Marsi alle conquiste dell’Impero Romano… solo lui potrebbe raccontarci la storia di questi luoghi nei minimi particolari.
Milarepa disse che “andare fra le montagne selvagge è una via della liberazione”, ancor di più in un’epoca come questa, dove le moderne abitudini ci deviano dalla semplicità di cui abbiamo bisogno per stare bene veramente: vita all’aria aperta, camminare e tornare alla natura.

L’escursione verrà guidata da un Accompagnatore di Media Montagna e Maestro di Escursionismo iscritto al Collegio Regionale delle Guide Alpine Abruzzo che, oltre a portarvi in vetta con la massima professionalità ed esperienza, vi darà informazioni utili, illustrando flora, fauna e geologia del territorio, senza tralasciare le tradizioni, le leggende e la cultura.

Monte Velino
Avremmo la possibilità di osservare il maestoso volo del Gyps Fulvus, ovvero il grifone, l’avvoltoio del vecchio mondo, che con i suoi 2,80 m circa di apertura alare ci regalerà grandi emozioni… ma non solo lui! Tutto il percorso sarà emozionante, dalla partenza all’arrivo in vetta, dove godremo di panorami indimenticabili, che spaziano dal Gran Sasso, alla Majella, fino ai Simbruini.

Per arrivare alla sommità di questa montagna occorreranno quasi 4,5 ore di camminata, ascendendo per circa 1500 m di dislivello: sarà necessario un buon allenamento fisico ed un adeguato equipaggiamento.

Percorreremo il sentiero numero 3, che parte dal parcheggio di S. Maria in Valle Porclaneta, a quota 1020 m, e saliremo per una carrareccia, fino a raggiungere Passo Le Forche m 1221. Piegheremo a destra e risaliremo il Vallone di Sevìce fino all’omonimo fontanile perenne a quota 1975 m, proseguendo fino alla Selletta dei Cavalli, dalla quale, piegando a sinistra, si trova a pochi metri il Rifugio Capanna di Sevìce (2119 m). Continuando il sentiero, si giunge alla parte sommitale delle Tre Sorelle e, dopo aver rasentato le verticali pareti N-E della Val di Teve, ed affrontato il cono finale, si arriva alla vetta del Monte Velino a quota 2487 m.

Monte Velino
Appuntamento e partenza:
Ore 6.00 – Rosciolo dei Marsi, presso il parcheggio di Santa Maria in Valle Porclaneta

In montagna le condizioni meteorologiche cambiano con grande facilità. Occorre essere preparati a repentini annuvolamenti e pioggia, per cui è calorosamente consigliato un equipaggiamento adeguato, in grado di far fronte a qualunque evenienza.
Il modo migliore per tenere sempre sotto controllo la propria temperatura corporea è probabilmente quello di vestirsi a strati: uno strato primario per regolare la traspirazione, uno strato intermedio capace di mantenere la temperatura corporea costante ed uno strato superiore per proteggersi dagli agenti esterni (pioggia, vento, neve).

Equipaggiamento e attrezzatura:
Zaino da montagna, scarpe da trekking a caviglia alta, coprizaino per pioggia, bastoncini telescopici, maglietta, pile o maglione, giacca a vento impermeabile, pantaloni comodi, maglietta di ricambio, cappello, guanti, crema solare, medicinali personali, antizanzare, occhiali da sole, berretto per protezione raggi UV, sacchetti biodegradabili per immondizia, borraccia per l’acqua, (2,5 lt), sali minerali, frutta secca, pranzo al sacco.

Costi del trekking:
€ 25 a partecipante, comprensivo di escursione guidata a cura di un Accompagnatore di Media Montagna/Maestro di Escursionismo e di copertura assicurativa per tutta la durata dell’escursione
( RC Professionale).
Il programma potrà subire variazioni in base alle condizioni meteo e sarà annullato se non si raggiungerà il numero minimo di partecipanti. Se il sentiero sarà ancora innevato si rinvierà l’evento a data da destinarsi.
Obbligatoria la prenotazione entro le 19.00 del 21 luglio.
La guida si riserva di escludere le persone che non hanno un equipaggiamento adeguato.

Min 6 – max 15 partecipanti

Monte Velino
Info e prenotazioni:
3382717448, info@montagneselvagge.com

Montagne Selvagge – escursioni guidate nelle selvagge bellezze d’Abruzzo.
Per essere aggiornati su tutte le nostre attività potete iscrivervi alla newsletter di www.montagneselvagge.com, inserendo la vostra email e i vostri dati nell’apposita sezione. Oppure inviaci un messaggio tramite whatsapp al numero 3382717448 e riceverete individualmente i nostri aggiornamenti.

copertina

logo ACCOMPAGNATORE

post

4 giorni di trekking sul Cammino dei Briganti

Montagne Selvagge e Indomito Abruzzo
Presentano:

Trekking guidato
Sul Cammino dei Briganti
3, 4, 5, 6 agosto 2017

In collaborazione con il comune di Sante Marie, la Riserva Naturale Regionale Grotte di Luppa e Ambiente e/è vita onlus

Cammino dei Briganti


Che cos’è il Cammino dei Briganti:

Il Cammino dei Briganti è un cammino a quote medie (tra gli 800 e i 1300 m. di quota) sulle orme dei briganti della Banda di Cartore, tra la Val de Varri, la Valle del Salto e le pendici del Monte Velino. Partenza e arrivo da Sante Marie, vicino a Tagliacozzo (AQ). La Marsica e il Cicolano sono terre di boschi, montagne e storie di briganti. In particolare il territorio attraversato da questo cammino è un territorio di confine, oggi tra Abruzzo e Lazio, ieri tra Stato Pontificio e Regno Borbonico. I briganti vivevano sul confine per passare da una parte all’altra a seconda della minaccia. I briganti lottavano contro l’invasione dei Sabaudi, che avevano costretto il popolo a entrare nell’esercito. Erano spiriti liberi, che non volevano assoggettarsi ai nuovi padroni, e per questo erano entrati in clandestinità. Una storia fatta anche di rapimenti, riscatti e tanta violenza. Una storia di 150 anni fa. Oggi l’esperienza dei viaggiatori antichi viene riproposta basata sul viaggiare a piedi da paese tutto ben percorribile, segnato e con posti tappa attrezzati.

Cammino dei Briganti Cammino dei Briganti



Cosa proponiamo:

75 km in quattro tappe.

Natura selvaggia, trekking, arte del camminare, orizzonti, libertà, all’aria aperta, tenda, sacco a pelo, sotto le stelle, racconti, teatro dei briganti, leggende, storia, tradizioni, cultura… Vita!!

Proponiamo il cammino in tenda e sacco a pelo, per rimanere a stretto contatto con la natura selvaggia dei posti che incontreremo.

L’organizzazione si occuperà dell’accompagnamento, trasporto materiale, preparazione campo e cucina.

Ad ogni campo ci sarà possibilità di farsi una doccia e di andare al bagno al coperto.

Ogni partenza è prevista per le ore 8.00.



Le tappe del nostro cammino:

I Tappa
Giovedì 3 agosto 2017
Sante Marie, Santo Stefano, Valdevarri.

Appuntamento ore 9.00 in Piazza Aldo Moro, presso il comune di Sante Marie, dove sarà possibile lasciare i vostri mezzi, per poi riprenderli a fine cammino. Vi verrà lasciato una salvacondotto, ed ad ogni tappa vi verrà messo un timbro. Raccogliendo i timbri si avrà una pergamena a testimonianza dell’avvenuto cammino.

Lunghezza percorso: 12 km
Dislivello complessivo positivo: 550 m

Qui inizia il Cammino dei Briganti e si entra nello spirito del viaggio attraversando i paesi di Sante Marie, Santo Stefano e Valdevarri.

Pernotto in tenda presso Valdevarri, cena al coperto, prima colazione e pranzo al sacco.
Racconti di storie e leggende intorno al fuoco.

Possibilità di doccia da campo e bagno


I Briganti di CartoreI Briganti di Cartore

II Tappa
Venerdì 4 agosto 2017
Valdevarri, Poggiovalle, Nesce, Villerose, Spedino, Cartore.

Lunghezza: 21 km
Dislivello complessivo positivo: 600 m

Dalla Valdevarri si scavalca e si entra nella Valle del Salto, passando sopra una piccola montagna, e scendendo al paese di Poggiovalle. E’ il paese dei briganti, da qui venivano alcuni briganti famosi. Sotto il paese scorre il fiume Salto, da una parte c’è Nesce.
Si scende il fiume Salto camminandovi a fianco per un tratto. Poi si passa sotto il monte Rose, si passa il paese di Spedino, si percorre la strada sterrata fino al bellissimo villaggio di Cartore, sede di una famosa banda di briganti.

Pernotto in tenda presso Cartore, cena da campo intorno al fuoco, prima colazione e pranzo al sacco.

Possibilità di doccia da campo e bagno.

Esibizione del gruppo teatrale “I Briganti di Cartore”



Santa Maria in Valle Porclaneta Cammino dei Briganti
III Tappa
Sabato 5 agosto 2017
Cartore, Rosciolo dei Marsi, Magliano dei Marsi, Scurcola Marsicana.

Lunghezza: 21 km
Dislivello complessivo positivo: 550 m

Da Cartore si risale al Passo Le Forche, sotto il Monte Velino, e si scende a Santa Maria in Valle Porclaneta, altro luogo carico di suggestioni, tra le quali una magnifica chiesa romanica, capolavoro d’arte del X secolo.
Si passa il paese di Magliano dei Marsi, poi si sale il versante del monte San Nicola per arrivare a Scurcola Marsicana.

Pernotto in tenda, cena, prima colazione presso l’azienda agrituristica “La Giarda”, pranzo al sacco per il giorno dopo. Possibilità di doccia, sauna e idromassaggio.

Visita alla Chiesa di Santa Maria in Valle Porclaneta, presso Rosciolo dei Marsi.


Il Cammino dei Briganti Il Cammino dei Briganti
IV tappa
Domenica 6 agosto 2017
Scurcola Marsicana, S. Donato, Scanzano, Tubione, Sante Marie.

Lunghezza: 21 km
Dislivello complessivo positivo: 550 m

Si riparte camminando su panoramici stradelli sterrati fino a San Donato, si sale ai ruderi di un antico castello, si scende a Scanzano e poi a Tubione e Sante Marie, per stradelli e sentieri. Potete ritirare il vostro attestato!

Visita al Museo del Brigantaggio, presso il paese di Sante Marie.


 

Cammino dei Briganti


Cosa portare?

MATERIALE E EQUIPAGGIAMENTO durante il cammino:

Zaino da montagna, scarpe da trekking a caviglia alta, copri zaino per pioggia, bastoncini telescopici, maglietta, pile o maglione, giacca a vento impermeabile, pantaloni comodi per la camminata, maglietta di ricambio, cappello, berretto per protezione raggi UV, guanti, medicinali personali, carta igienica, occhiali da sole, crema solare, antizanzare, sacchetti biodegradabili per immondizia, borraccia per l’acqua (2 litri), sali minerali, frutta secca, pranzo al sacco.

MATERIALE E EQUIPAGGIAMENTO per il campo e il pernotto, con trasporto a cura dell’organizzazione:

Zaino/borsa, scarpe di ricambio, tenda, sacco a pelo o coperte, materassino, maglietta di ricambio, pile, ricambi (calze, mutande, maglie), una tuta per la notte, crema idratante, piccolo kit pronto soccorso, medicinali personali, sapone biologico, asciugamano piccolo, dentifricio, carta igienica, spazzolino, coltello multiuso, torcia elettrica frontale con pile di ricambio, costume (per sauna e idromassaggio).


 

Cammino dei Briganti


Costi dell’intero trekking:

€ 285 a persona comprensivo di:

– Escursione guidata a cura di due Accompagnatori di Media Montagna/ Maestri di Escursionismo del Collegio Regionale Guide Alpine Abruzzo.


– Copertura assicurativa (RCT professionale) per tutta la durata dell’evento. 
– Organizzazione e supporto guida.


– Trasporto materiale (tenda, sacco a pelo, coperte e zaino/borsa –
(cambi ed effetti personali).


– Allestimento campo e cucina.


– Pranzo al sacco, cena, prima colazione,


– Sauna e idromassaggio (nella tappa del 5 agosto)


– Esibizione del gruppo teatrale “I briganti di Cartore” (nella tappa del 4 agosto)


– Visita alla Chiesa di Santa Maria in Valle Porclaneta (nella tappa del 5 agosto)


– Visita al Museo del Brigantaggio (nella tappa del 6 agosto).


– Ritiro materiale ed equipaggiamento al punto di partenza.



Per le pietanze comunicare eventuali intolleranze o allergie.

Possibilità di prenotare due tende da due posti cadauna.


Il programma potrà subire variazioni in base alle condizioni meteo e sarà annullato se non si raggiungerà il numero minimo di partecipanti.

Obbligatoria la prenotazione entro il 30 luglio, da effettuare tramite acconto di € 100 (a mezzo bonifico bancario), intero pagamento entro il 2 agosto 2017.



La guida si riserverà di escludere le persone che non hanno un equipaggiamento adeguato.

Min. 9 – Max. 16 partecipanti


Scarica il programma in pdf:

Programma Cammino dei Briganti



Info e prenotazioni:
Ercole Marchionni 3382717448
info@montagneselvagge.com
www.montagneselvagge.com


copertina
Per essere aggiornati su tutte le nostre attività potete iscrivervi alla newsletter di www.montagneselvagge.com, inserendo la vostra email e i vostri dati nell’apposita sezione. Oppure inviaci un messaggio tramite whatsapp al numero 3382717448 e riceverete individualmente i nostri aggiornamenti

Guide Alpine Abruzzo

Accompagnatore di Media Montagna

post

Sulla vetta del Monte Velino, il Signore del Lago

Monte Velino

Domenica 23 luglio 2017

Escursione guidata sulla vetta del Monte Velino, “il Signore del Lago”, come veniva chiamato dagli antichi, dominatore ed osservatore del Fucino da migliaia di anni.
Oggi il lago non esiste più perché prosciugato dal principe Torlonia a metà del XIX secolo, eppure il Velino è sempre lì, magnifico ed elegante. Pensate a quante generazioni ha visto crescere e morire, quante persone sono passate ai suoi piedi, quanta storia è trascorsa, dagli antichi Marsi alle conquiste dell’Impero Romano… solo lui potrebbe raccontarci la storia di questi luoghi nei minimi particolari.
Milarepa disse che “andare fra le montagne selvagge è una via della liberazione”, ancor di più in un’epoca come questa, dove le moderne abitudini ci deviano dalla semplicità di cui abbiamo bisogno per stare bene veramente: vita all’aria aperta, camminare e tornare alla natura.

L’escursione verrà guidata da un Accompagnatore di Media Montagna e Maestro di Escursionismo iscritto al Collegio Regionale delle Guide Alpine Abruzzo che, oltre a portarvi in vetta con la massima professionalità ed esperienza, vi darà informazioni utili, illustrando flora, fauna e geologia del territorio, senza tralasciare le tradizioni, le leggende e la cultura.

Monte Velino
Avremmo la possibilità di osservare il maestoso volo del Gyps Fulvus, ovvero il grifone, l’avvoltoio del vecchio mondo, che con i suoi 2,80 m circa di apertura alare ci regalerà grandi emozioni… ma non solo lui! Tutto il percorso sarà emozionante, dalla partenza all’arrivo in vetta, dove godremo di panorami indimenticabili, che spaziano dal Gran Sasso, alla Majella, fino ai Simbruini.

Per arrivare alla sommità di questa montagna occorreranno quasi 4,5 ore di camminata, ascendendo per circa 1500 m di dislivello: sarà necessario un buon allenamento fisico ed un adeguato equipaggiamento.

Percorreremo il sentiero numero 3, che parte dal parcheggio di S. Maria in Valle Porclaneta, a quota 1020 m, e saliremo per una carrareccia, fino a raggiungere Passo Le Forche m 1221. Piegheremo a destra e risaliremo il Vallone di Sevìce fino all’omonimo fontanile perenne a quota 1975 m, proseguendo fino alla Selletta dei Cavalli, dalla quale, piegando a sinistra, si trova a pochi metri il Rifugio Capanna di Sevìce (2119 m). Continuando il sentiero, si giunge alla parte sommitale delle Tre Sorelle e, dopo aver rasentato le verticali pareti N-E della Val di Teve, ed affrontato il cono finale, si arriva alla vetta del Monte Velino a quota 2487 m.

Monte Velino
Appuntamento e partenza:
Ore 6.00 – Rosciolo dei Marsi, presso il parcheggio di Santa Maria in Valle Porclaneta

In montagna le condizioni meteorologiche cambiano con grande facilità. Occorre essere preparati a repentini annuvolamenti e pioggia, per cui è calorosamente consigliato un equipaggiamento adeguato, in grado di far fronte a qualunque evenienza.
Il modo migliore per tenere sempre sotto controllo la propria temperatura corporea è probabilmente quello di vestirsi a strati: uno strato primario per regolare la traspirazione, uno strato intermedio capace di mantenere la temperatura corporea costante ed uno strato superiore per proteggersi dagli agenti esterni (pioggia, vento, neve).

Equipaggiamento e attrezzatura:
Zaino da montagna, scarpe da trekking a caviglia alta, coprizaino per pioggia, bastoncini telescopici, maglietta, pile o maglione, giacca a vento impermeabile, pantaloni comodi, maglietta di ricambio, cappello, guanti, crema solare, medicinali personali, antizanzare, occhiali da sole, berretto per protezione raggi UV, sacchetti biodegradabili per immondizia, borraccia per l’acqua, (2,5 lt), sali minerali, frutta secca, pranzo al sacco.

Costi del trekking:
€ 23 a partecipante, comprensivo di escursione guidata a cura di un Accompagnatore di Media Montagna/Maestro di Escursionismo e di copertura assicurativa per tutta la durata dell’escursione
( RC Professionale).
Il programma potrà subire variazioni in base alle condizioni meteo e sarà annullato se non si raggiungerà il numero minimo di partecipanti. Se il sentiero sarà ancora innevato si rinvierà l’evento a data da destinarsi.
Obbligatoria la prenotazione entro le 19.00 del 21 luglio.
La guida si riserva di escludere le persone che non hanno un equipaggiamento adeguato.

Min 6 – max 15 partecipanti

Monte Velino
Info e prenotazioni:
3382717448, info@montagneselvagge.com

Montagne Selvagge – escursioni guidate nelle selvagge bellezze d’Abruzzo.
Per essere aggiornati su tutte le nostre attività potete iscrivervi alla newsletter di www.montagneselvagge.com, inserendo la vostra email e i vostri dati nell’apposita sezione. Oppure inviaci un messaggio tramite whatsapp al numero 3382717448 e riceverete individualmente i nostri aggiornamenti.

copertina

logo ACCOMPAGNATORE

post

Sulla vetta del Monte Amaro – Majella

 

Mjella16 luglio 2017

Escursione guidata sulla vetta del Monte Amaro

Il Monte Amaro, ovvero la cima più alta della Majella, della montagna che dagli abruzzesi viene considerata la montagna madre

Vi accompagneremo alla scoperta della seconda vetta più alta dell’Appennino, con i suoi 2.793 m sul livello del mare.

Scopriremo il perché del suo nome, che nulla ha a che fare col mare o col sapore amaro. Un nome infatti che viene da lontano e si perde nei secoli.

Avremo modo di capire la geologia di questa montagna, la cui comprensione renderà più affascinanti i luoghi da percorrere: se avremo sguardo attento e piede saldo, non pochi saranno i fossili che incontreremo lungo il percorso.

Sveleremo poi da dove arriva il nome della rava del ferro, che compone gran parte della nostra escursione.

Lungo la salita, se al momento giusto sapremo godere del silenzio che il luogo merita, ci accorgeremo di essere osservati dai camosci (rupicapra pirenaica ornata, il camoscio più bello del mondo!). Sono i padroni delle rocce di alta quota, e non di rado regalano acrobazie fra i ripidi pendii montani.

Salendo ancora, raggiunto il pianoro carsico, se la stagione sarà in pace coi tempi di madre natura, potremo vedere anche la stella alpina appenninica (leontopodium nivale), sorella della specie del nord Italia ma con caratteristiche peculiari che la rendono tipica dell’Appennino Centrale (e dei Balcani).

“Lungi dall’essere puro esercizio muscolare, o esigenza logistica, l’atto del camminare trova la sua motivazione autentica in una sorta di “finalità senza scopo”, come accade per la visione della bellezza secondo filosofi, artisti e sognatori. Ad esso si annettono emozioni di origine diversa, che si manifestano nel superamento dei limiti della volontà e nell’accettazione della fatica come testimonianza della nostra presenza consapevole nel “qui ed ora” – hic et nunc per i latini. (Con libero piede di I.A.)

E’ una escursione dalle grandi soddisfazioni ma da non sottovalutare: affronteremo 1.300 m di dislivello ed una salita lunga e costante, che ci darà tregua solo alla sella che divide l’Amaro dalla cima vicina del Pescofalcone.

Majella

I kilometri non saranno troppi, scarsi 12 fra andata e ritorno, ma sufficienti a mettere alla  prova le nostre gambe, soprattutto nella discesa che vedrà un’importante differenza di quota svolgersi sotto i nostri piedi su sfasciumi e ghiaioni, in condizioni che rendono meno stabile e sicuro il nostro passo.

Consigliamo quindi una buona condizione fisica, un buon allenamento e un abbigliamento adeguato.

Inizieremo col sentiero B5:  l’attacco è a Lama Bianca a quota 1.498 m e sale fra le ghiaie mobili del canale della rava del Ferro. La rava stessa ci  guiderà per la maggior parte dell’escursione, poiché la percorreremo tutta e la lasceremo solo a quota 2.500 m dove, finalmente, la pendenza diminuirà. Cambierà anche il terreno e ci lasceremo alle spalle il terreno sconnesso dei ghiaioni. Piegheremo quindi sulla destra verso sud, e ci terremo a margine del pianoro alla nostra sinistra. Intercetteremo e percorreremo, dopo circa 500 mt, il sentiero del parco. Saliremo perciò sul crinale dell’Amaro:  a questo punto non mancherà molto ed inizieremo ad intravedere la meta finale, col rosso del Bivacco Pelino ad indicarcela.

Monte Amaro

Il ritorno avverrà per lo stesso itinerario dell’andata.

Attrezzatura ed equipaggiamento: scarpe da trekking a caviglia alta, zaino da montagna, coprizaino per pioggia, bastoncini telescopici, maglietta tecnica, pile o maglione, giacca a vento impermeabile, pantaloni comodi, magli a di ricambio, cappello caldo, guanti, crema solare, medicinali personali,  occhiali da sole, cappello per protezione raggi UV, borraccia per l’acqua (2 lt), frutta secca, pranzo al sacco.

Il programma potrà subire variazioni in base alle condizioni meteo e sarà annullato se non si raggiungerà il numero minimo di partecipanti. Se il sentiero sarà ancora innevato si rinvierà l’evento a data da destinarsi.

Obbligatoria la prenotazione entro le 12:00 del giorno prima

La guida si riserva di escludere le persone che non hanno un equipaggiamento adeguato

Dislivello andata: 1300 m ca

Durata: 8 ore ca ( soste incluse)

Difficoltà: EE

Lunghezza a/r: 12 km ca

Appuntamento: ore 6.00  a Sant’Eufemia a Majella

Il programma potrà subire variazioni in base alle condizioni meteo e sarà annullato se non si raggiungerà il numero minimo di partecipanti.

Obbligatoria la prenotazione entro le 12,00 del giorno prima.

La guida si riserva di escludere le persone che non hanno un equipaggiamento adeguato.

Min 5 – Max 20 partecipanti

 

Costi del trekking:

€ 25 a persona, comprensivo di escursione guidata a cura di un Accompagnatore di Media Montagna/ Maestro di Escursionismo del Collegio Regionale Guide Alpine Abruzzo e copertura assicurativa per tutta la durata dell’evento.

 

Info e prenotazioni:

Vincenza Bizzoni 3298110734, chiamare dalle 19:00 in poi.

Ercole Marchionni 3382717448, chiamare dalle 10:00 in poi.

info@montagneselvagge.com

www.montagneselvagge.com

Guide Alpine Abruzzo Accompagnatore di Media Montagna

 

Montagne Selvagge – escursioni guidate nelle selvagge bellezze d’Abruzzo.

Per essere aggiornati su tutte le nostre attività potete iscrivervi alla newsletter di www.montagneselvagge.com, inserendo la vostra email e i vostri dati nell’apposita sezione. Oppure inviaci un messaggio tramite whatsapp al numero 3382717448 e riceverete individualmente i nostri aggiornamenti

copertina

post

Resoconto fotografico dell’escursione guidata sul Corno Grande

Gran Sasso d'Italia

Nove luglio duemiliadiciassette

Escursione guidata sul Re degli Appennini, il Corno Grande, nel Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga.

Firenze, Salerno, Isernia, Lanciano, Pescara, Roma, Val Vibrata, Avezzano, Teramo… questo sono alcune delle località di provenienza dei tanti partecipanti che ieri sono saliti con me e Alberto Cuccagna sul maestoso Corno Grande.
Il caldo non ci ha frenati e gli splendidi panorami fino a vista mare si sono offerti a noi, passo dopo passo.

Il Gran Sasso è un Re che si mostra fiero e possente con le sue rocce nude e forti.
L’arrivo in vetta non è stata la conclusione di un percorso scontato: l’intero tragitto, al contrario, si è rivelato scoperta continua ed emozionante, dall’inizio alla fine.

Grazie a tutti!!

Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia  Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia Gran Sasso d'Italia