Resoconto fotografico dell’escursione guidata sulla vetta del Monte Velino

Postato il Lug 3, 2018 | 0 comments


Uno luglio duemiladiciotto

Escursione guidata sulla vetta del Monte Velino, il Signore del Lago.

Grazie a tutti gli escursionisti che erano con noi in questa splendida avventura, venuti da Avezzano, L’Aquila, Roma , Pescara, Ancona e Pratola Peligna per conoscere le bellezze del Monte Velino.

 

“Dicono che le buone vibrazioni sono il modo in cui la natura ci dice che siamo nel posto giusto e con le persone giuste. Beh la nostra ascesa al Velino è stata proprio l’esaltazione di tutto questo: pace, serenità, buona compagnia, allegria, magici colori profumi e suoni della montagna, che ci hanno accompagnato in questa incantevole giornata. In questo trekking abbiamo tutti imparato l’importanza della rappresentazione emotiva della montagna e la sua capacità curativa. Spesso si suol dire che la vita è un sogno..allora possiamo anche dire che la montagna è uno dei modi in cui questo sogno si svela. Sua maestà il Velino ci ha accolti in una bellissima giornata soleggiata, accompagnati da una fresca brezza che ci ha consentito un cammino rigenerante e rinvigorente. Grazie all’esperienza e all’amore per i luoghi dei due accompagnatori (Ercole e Vincenza) abbiamo tutti goduto di un’ escursione ben organizzata, in sicurezza e coinvolgente. Inoltre, essendo il primo luglio la festa annuale del Velino (organizzata dal GEV locale) abbiamo avuto l’occasione di incontrare persone che si sentono davvero figli di questa meravigliosa montagna e che la vivono appieno tutti i giorni della loro vita. Da tutte queste persone abbiamo capito che la montagna ci può accoglie, ci può regalare forti emozioni e ci può donare grande consapevolezza…basta saperla rispettare e mai sottovalutare (siamo sempre a 2487 m s.l.m)!
Quindi come concludere se non con un “Grazie” a tutti per la splendida esperienza…soprattutto a lei, una montagna speciale, che ha saputo risvegliare in noi sensazioni positive di cui troppo spesso dimentichiamo l’esistenza.”

Resoconto di Virginia Pantalone

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Proseguendo la navigazione di questo sito accetti l'utilizzo dei cookies e l'intera privacy policy della quale puoi prendere lettura

Iscriviti alla newsletter di Montagne Selvagge e verrai aggiornato su tutte le nostre attività